Ciclabile Fano-Urbino, la petizione online oltre le mille firme in due giorni

ferrovia dismessa Fano - Urbino 1' di lettura Fano 24/03/2021 - Ha ottenuto, in soli due giorni, più di mille firme la petizione lanciata su Change.org da Giovanni Dallago per chiedere alla Regione Marche la trasformazione in ciclovia della ferrovia dismessa Fano - Urbino.

“La nostra penisola è ricca di vecchie ferrovie che il tempo ha fatto diventare obsolete” apre così Giovanni, che continua spiegando le sue ragioni. “Questa infrastruttura è di fondamentale importanza per fornire una soluzione sostenibile anche alla crescente domanda cicloturistica. Considerando un eventuale utilizzo polifunzionale del percorso che tenga conto delle mutate condizioni socio-economiche della provincia e della sempre più consapevolezza da parte dei cittadini sull'uso della bicicletta e della e-bike.”

Una soluzione a basso costo secondo Giovanni, che, nel testo, elogia “l’economicità e la sostenibilità del riutilizzo di quanto già disponibile nel territorio” come “imprescindibile in un’ottica di sviluppo delle attività economiche e di preservazione dell’ambiente, considerando che esiste un nuovo tipo di indotto turistico-culturale che valorizza l’ambiente e il patrimonio, come ci confermano le esperienze della altre ferrovie dismesse ora mete turistiche di rilevanza nazionale e internazionale.”

Questi, dunque, i motivi che portano lui e oltre mille firmatari a chiedere “il ripristino ecosostenibile dell'ex tracciato della Ferrovia Fano - Urbino con la costruzione di una pista ciclabile che colleghi tutta la Valle del Metauro a una realtà urbana di eccezionale valore storico-artistico come Urbino, il cui centro antico è stato inserito dal 1998 tra i siti UNESCO, che rappresenta una meta turistica unica al mondo ed è anche sede di un’antica e prestigiosa Università.”


LINK PETIZIONE change.org/CicloFanoUrbino






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2021 alle 13:07 sul giornale del 25 marzo 2021 - 579 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUez





logoEV
logoEV