Decreto Sostegni, bocciatura piena da Confcommercio: "Poco e per pochi, sarebbe questo il 'governo dei capaci'?"

2' di lettura Fano 21/03/2021 - “Il Decreto Sostegni del Governo Draghi, oltre che approvato con gravissimo ritardo, ha ancora forti limiti. I parametri per ottenere gli indennizzi sono troppo selettivi e le risorse sono insufficienti“: questo il primo commento del Direttore Generale di Confcommercio Marche Nord Amerigo Varotti.

“Diamo un giudizio assolutamente negativo al decreto Draghi. Probabilmente il Governo dei “Capaci“ ha dimostrato di essere “incapace” a comprendere il dramma delle piccole e medie imprese. Altrimenti non si spiega perché dei 32 miliardi di scostamento del deficit deciso dal Governo Conte solo 11 miliardi sono i ristori. Cioè briciole per tutti considerando la platea delle imprese.

Draghi in uno dei suoi pochissimi interventi aveva detto che “bisogna fare tutto ciò che è necessario“. Bene. Ci aspettiamo una modifica al decreto e altri miliardi per aiutare le imprese del turismo, della ristorazione e del commercio a non morire“.

La Vice Presidente Barbara Marcolini conferma il giudizio “gravemente insufficiente”: “Imporre un calo di fatturato pari ad un minimo del 30% tra l’anno 2020 e il 2019 per ottenere i ristori, è troppo alto e improponibile. Sicuramente più del 50% delle piccole e medie imprese non riuscirà a percepire nessun ristoro soprattutto se hai operato con onestà nei confronti del fisco. Le misure d ristoro devono essere proporzionali alla gravità delle perdite subite. Poi, visti i gravi ritardi nell’approvazione del Decreto, le imprese hanno accumulato pesanti perdite anche nei primi tre mesi del 2021. E’ bene che il Governo rimetta mano al portafoglio con maggiore velocità e sensibilità. Poi il Governo, presieduto da un banchiere, è bene che agisca urgentemente stabilendo una moratoria sui prestiti e mutui accesi nel 2020. Le imprese che si sono indebitate non hanno avuto i flussi di cassa necessari per iniziare il rimborso delle rate“.

Il presidente Angelo Serra si chiede: “Ma una ditta che ha avuto un calo di fatturato del 29% non ha diritto a nessun ristoro? Questa è pura follia. Una cosa positiva nel decreto c’è : l’esonero del pagamento del Canone RAI per hotel e pubblici esercizi. Una richiesta e quindi una chiara vittoria di Federalberghi e Confcommercio che a più riprese avevano chiesto questo provvedimento anche con emendamenti sottoscritti da parlamentari di varia estrazione al decreto “milleproroghe”.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2021 alle 09:00 sul giornale del 22 marzo 2021 - 633 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, confcommercio pesaro e urbino, comunicato stampa, decreto sostegni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bTFd





logoEV
logoEV