WhatsApp, Facebook e Instagram: black-out per almeno un’ora. Ecco cosa sta succedendo

1' di lettura Fano 19/03/2021 - App bloccate, aggiornamenti a singhiozzo e tanta rabbia. Per gli utenti di WhatsApp, Facebook (incluso Messenger) e Instagram è stato davvero un ‘black Friday’. Nel senso proprio di ‘venerdì nero’, anche perché i disservizi lamentati non hanno di certo fatto sconti, come dimostrano le tantissime segnalazioni da tutta Italia, ma anche dai nostri lettori.

I primi problemi sembrano essere sopraggiunti intorno alle 18. Da quel momento abbiamo raccolto diversi vostri reclami, allo scopo di conoscere le cause del ‘down’ di tutto l’ecosistema Zuckerberg. Sì – perché come ormai noto – tutte le app ‘incriminate’ fanno capo al numero di Facebook.

Il sito downdetector.com è stato, come sempre, il punto di riferimento degli utenti per segnalare il problema, che però – dopo oltre un’ora e mezza – sembra essere rientrato. Le cause di quanto accaduto, però, non sono ancora chiare, mentre il Codacons chiede già un risarcimento. "Non è la prima volta – ha dichiarato l’associazione dei consumatori - che in Italia si registrano simili black-out, che in questo periodo di emergenza sanitaria e di smart working forzato appaiono ancora più gravi. Per questo chiediamo a Facebook, proprietaria di WhatsApp e Instagram, di risarcire in modo automatico tutti gli utenti italiani coinvolti nel disservizio odierno, studiando assieme al Codacons le forme di indennizzo più adeguate".

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2021 alle 20:00 sul giornale del 20 marzo 2021 - 1767 letture

In questo articolo si parla di attualità, messenger, facebook, instagram, whatsapp, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bTu1





logoEV
logoEV