Buoni spesa, da lunedì le nuove domande: ecco come fare. Platea più ampia per far fronte alla crisi

3' di lettura Fano 13/03/2021 - Sono riaperti i termini per presentare la domanda per i nuovi buoni spesa. Da lunedì 15 marzo fino alle ore 12 di venerdì 19 marzo, le famiglie dei Comuni di Fano, San Costanzo e Terre Roveresche potranno presentare la domanda per ottenere i fondi per la “solidarietà alimentare” che saranno spendibili negli esercizi commerciali convenzionati dei rispettivi territori comunali.

I beneficiari sono i nuclei familiari residenti che: da un lato hanno percepito nel mese di gennaio redditi o emolumenti a qualsiasi titolo inferiori a 1.000 euro per nuclei con 1 componente, 1.200 euro per nuclei con 2 componenti, 1.600 euro per nuclei con 3 o 4 componenti, 2.000 euro per nuclei con 5 o più componenti; dall’altro, coloro che hanno un saldo complessivo nei conti correnti e libretti di deposito bancari e postali inferiore, relativo all’intero nucleo familia-re, a 5.000 euro al 31 gennaio 2021.

“Alcuni comuni dell’Ambito Sociale 6 erano già partiti qualche settimana fa - chiosa Tinti, presi-dente dell’ATS 6 -, ora Fano, San Costanzo e Terre Roveresche completano il quadro. Si tratta di un intervento che da inizio pandemia ha portato effetti positivi, andando incontro alle esigenze di tutti quei cittadini che sono stretti nella morsa delle conseguenze del Covid-19. Già a dicembre avevamo pronosticato che la misura non poteva essere unica, pertanto replicando l’intervento in questi primi mesi del 2021 agiamo in modo più incisivo ed efficiente”.

Sulle risorse destinate complessivamente ai buoni spesa, il sindaco Seri sottolinea gli sforzi dell’amministrazione: “A questo intervento è stato dedicato dall’inizio della pandemia ad oggi circa 1 milione di euro, di cui 1/3 è stato composto da risorse di finanza locale. Si può intuire fa-cilmente lo sforzo profuso per dare un sostegno e inviare un abbraccio alle famiglie in difficoltà”.

Andando nello specifico dell’iniziativa, Tinti e Seri specificano che “su un totale di 322.000 di fondi statali, 260 mila euro sono dedicati alle domande on line, mentre la cifra restante viene riservata per far fronte alle esigenze delle famiglie in difficoltà economica in carico al servizio sociale del comune. Non a caso nelle scorse settimane sono comunque stati già accreditati i buoni spesa alle famiglie seguite dal servizio tramite la rete del progetto “Passamano”.

Massima condivisione dai sindaci dell’AT6 sui criteri e sulle modalità con cui è stata declinata la misura. “Rispetto al bando di dicembre, abbiamo deciso di alzare le fasce di reddito proprio per tener conto della situazione aggravata e ampliare la platea dei beneficiari - afferma Tinti - visto il risultato ottenuto abbiamo deciso di mantenere l’accreditamento dei buoni spesa direttamente sulla Tessera Sanitaria/Codice Fiscale del beneficiario”.

La graduatoria per l’assegnazione dei buoni spesa non sarà stabilita in base all’ordine di arrivo delle domande, ma in relazione ai criteri e alle priorità definite dal bando.

In allegato la locandina con tutte le istruzioni.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2021 alle 19:07 sul giornale del 15 marzo 2021 - 2824 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, san costanzo, buoni spesa, Terre Roveresche, comunicato stampa, covid-19

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bStC





logoEV
logoEV