Attira la nonna in periferia per derubarla: denunciata giovane tossicodipendente

anziani povertà 1' di lettura Fano 09/03/2021 - Ha dato appuntamento a sua nonna in una zona periferica della città. Poi l’ha aggredita e ha tentato di strapparle via la borsa.

È successo a Fano, e l’autrice del gesto è una giovane tossicodipendente che – secondo quanto scoperto dagli agenti del commissariato fanese coordinato da Stefano Seretti – per lungo tempo ha intimorito l’anziana parente costringendola a consegnarle 200 euro ogni mese, senza far mancare delle vere e proprie minacce dirette al nonno gravemente malato.

È stata la nonna, disperata, a richiedere l’intervento della polizia, dichiarando di essere stata fisicamente aggredita dalla nipote tossicodipendente, probabilmente mentre quest’ultima era in preda a una crisi di astinenza. Soltanto il provvidenziale intervento di un passante ha interrotto il tutto mettendo in fuga la ragazza. Poi le indagini degli uomini del commissariato, dalle quale è emersa la condizione di pesante soggezione fisica e psicologica subita per mesi dell’anziana.

La nipote è stata infine denunciata per i reati di tentata rapina ed estorsione continuata. Il tribunale di Pesaro le ha inoltre imposto il divieto di avvicinarsi alla nonna. Ed è soltanto uno dei tre casi di violenza familiare per i quali la polizia è di recente intervenuta finendo per denunciare anche due uomini (i dettagli).

Per gli aggiornamenti in tempo reale di Vivere Fano iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero (valido anche per le segnalazioni)
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 09-03-2021 alle 16:51 sul giornale del 10 marzo 2021 - 1477 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, fano, anziani, povertà, tossicodipendenza, articolo, Simone Celli, violenza familiare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRNq