Andrea morto in casa: mercoledì l’autopsia. Anche il digiuno tra le possibili cause

1' di lettura Fano 26/01/2021 - È prevista per mercoledì l’autopsia sul corpo di Andrea Bindi, il personal trainer deceduto domenica nella sua abitazione.

Il 49enne - originario di La Spezia ma da tempo residente in zona – è stato trovato privo di vita sul letto di casa sua, a Roncosambaccio di Fano. A dare l’allarme l’ex compagna, dopo alcune ore di silenzio da parte dell’uomo (qui i dettagli).

L’ipotesi più accreditata è quella della morte naturale, anche perché non vi sarebbero elementi che lascino intendere il contrario. L’esame autoptico – che verrà eseguito a Torrette di Ancona - dovrà fare chiarezza sulle effettive cause del decesso. Riflettori puntati anche sulle scelte alimentari dell’uomo, che negli ultimi giorni si era sottoposto volontariamente a un digiuno.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il nuovo radiogiornale e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2021 alle 16:42 sul giornale del 27 gennaio 2021 - 3959 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, roncosambaccio, morto in casa, articolo, Simone Celli, andrea bindi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLdD





logoEV
logoEV
logoEV