Strano viavai dal chioschetto del lago: un arresto per spaccio

1' di lettura Fano 22/01/2021 - Un sospetto andirivieni dal chiosco-bar. È bastato questo per insospettire la polizia e per dare il via a tutti gli approfondimenti del caso. Fino alla scoperta che in quella struttura a ridosso del lago non si servivano soltanto caffè e bevande.

Operazione antidroga degli agenti del commissariato di Fano coordinati dal dirigente Stefano Seretti. Mercoledì – anche grazie al prezioso aiuto delle unità cinofile – è emerso che sulle rive del Lago Solazzi, a Tre Ponti di Fano, non si pratica soltanto la pesca sportiva in acqua dolce. Gli agenti avevano infatti notato uno strano viavai di persone, e sono voluti andare fino in fondo.

Nel pomeriggio il blitz con l’ausilio dei fidi canti antidroga. Il chiosco-bar è stato perquisito in presenza dei due soci. Trovati 15 grammi di stupefacente, in parte addosso a uno dei due. Il resto si trovava all’interno della struttura insieme a diverso materiale per il taglio e il confezionamento delle dosi.

È così che uno dei due soci del circolo – un 50enne fanese già noto alle forze dell’ordine – è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio. Il gestore è invece stato denunciato per aver permesso la vendita di stupefacenti all’interno della struttura, ed è stato segnalato come assuntore. Non si esclude la sospensione dell’attività.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il nuovo radiogiornale e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2021 alle 23:09 sul giornale del 23 gennaio 2021 - 2096 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, droga, fano, spaccio, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bKLI





logoEV
logoEV