Stop all'ospedale unico? Il ministero non ci sta: "Rafforzare le strutture territoriali senza rinunciare ai centri di eccellenza"

1' di lettura Fano 11/11/2020 - «Non si può fermare un progetto in stato molto avanzato come quello del nuovo ospedale tra Pesaro e Fano». È questa la linea della sottosegretaria al ministero della Salute Sandra Zampa (in rappresentanza del Ministro Speranza) durante l’incontro di mercoledì pomeriggio a Roma.

«Su questo progetto lo Stato ha investito 105milioni di euro attraverso i fondi CIPE. Il piano che il Governo vuole portare avanti è quello di un piano di investimenti per rafforzare in contemporanea le strutture per la sanità territoriale e gli ospedali di eccellenza di ogni territorio. Per questo motivo il ministero della Salute farà di tutto per portare avanti il progetto e convocherà, nei prossimi giorni, un incontro tecnico».

Martedì lo stop da parte del Consiglio regionale al disegno degli ospedali unici delle Marche: «Ho chiesto un incontro al presidente della Regione Francesco Acquaroli e all’assessore Saltamartini perché confido di trovare una soluzione, insieme a loro e al sindaco Seri - spiega Ricci -. Pesaro e Fano sono la seconda e terza città delle Marche: dobbiamo gestire insieme la sanità del territorio, senza perdere ulteriori anni e opportunità di modernizzare e rafforzare la nostra sanità».

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il nuovo radiogiornale e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2020 alle 18:32 sul giornale del 12 novembre 2020 - 819 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, fano, pesaro, Comune di Pesaro, ospedale unico, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bBEp





logoEV
logoEV