Carriera-Sgarbi, la provocazione del ristoratore anti-DPCM si sposta a Fano [VIDEO]: intervengono le forze dell’ordine

2' di lettura Fano 07/11/2020 - A cena in un ristorante. Dopo le 18. Nonostante il DPCM. È successo allo ‘Chic’, nel pieno centro storico di Fano, a un passo dal Comune. Il titolare è nientemeno che Umberto Carriera, il ristoratore pesarese divenuto protagonista delle cronache locali - e nazionali - per aver ‘sfidato’ il DPCM che impone la chiusura alle 18 di bar e ristoranti. A tavola, insieme a lui e a un’altra ventina di persone, c’era pure Vittorio Sgarbi. L’onorevole e critico d’arte era in realtà un ospite atteso. Anzi, annunciato. Anche se fino all’ultimo si è creduto che i due avrebbero cenato in uno dei ristoranti pesaresi di Carriera.

Di certo il nuovo capitolo di questa querelle che coinvolge da vicino anche il sindaco di Pesaro Matteo Ricci non si sarebbe potuta svolgere tra le mura de ‘La Macelleria’, il nuovo ristorante di Carriera chiuso dal questore per 15 giorni già da lunedì scorso – la prima sera dopo l’entrata in vigore del decreto – perché aperto e con ben novanta persone al suo interno. La provocazione si è dunque spostata in un’altra città: Fano, appunto. Attirando alcuni ristoratori indignati e – ovviamente – le forze dell’ordine.

Carabinieri e polizia locale, tuttavia, non sono entrati nel locale. “A differenza di quel stanno raccontando certi giornali – ha commentato Carriera – non è stata fatta alcuna irruzione. Gli avvocati che si trovavano nel ristorante sono usciti e hanno spiegato alle forze dell’ordine che si trattava di un evento privato, così sono rimasti in strada senza poter interrompere la cena. Alla fine sono stato io, insieme ai miei dipendenti, ad aver chiuso il locale. Una volta fuori, dato che erano già passate le 22, ci hanno chiesto l’autocertificazione”.

Fatta la legge, trovato l’inganno? Di certo la provocazione si è svolta senza nessuno stop, con l’appoggio accorato di un personaggio noto come Vittorio Sgarbi. “Quella del governo è un’azione violenta, questo è uno stato di polizia – ha commentato l’onorevole –, e Carriera è l'esempio più vivo della resistenza contro questa dittatura. Io sono dalla sua parte. Avevo detto che sarei venuto, ed eccomi qua”.


Segue il video integrale con la dichiarazione di Sgarbi.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il nuovo radiogiornale e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano








Questo è un articolo pubblicato il 07-11-2020 alle 11:51 sul giornale del 09 novembre 2020 - 1617 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, pesaro, vittorio sgarbi, articolo, Umberto Carriera, Simone Celli, dpcm

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bBab





logoEV