Mozione per il clima, "Finalmente approvata: determinante il lavoro del M5S"

cambiamenti climatici 2' di lettura Fano 30/09/2020 - Dopo un lungo percorso, durato quasi un anno, nel consiglio di martedì è stata approvata la mozione per la dichiarazione dell’emergenza climatica. Il documento è il risultato di una condivisione tra il Movimento 5 Stelle e la maggioranza avvenuta in modo trasparente nella commissione competente, partendo dai due testi presentati dai rispettivi schieramenti.

Siamo orgogliosi del fatto che il nostro contributo sia stato determinante per riempire di contenuti sostanziali una dichiarazione che rischiava altrimenti di rimanere velleitaria e puramente simbolica: confrontando infatti le varie versioni del testo, si appura che la totalità delle misure concrete inserite nel documento sono frutto delle proposte avanzate dal Movimento 5 Stelle.

Il tema del contrasto ai cambiamenti climatici rappresenta un’occasione imperdibile per rilanciare lo sviluppo del nostro territorio, messo a dura prova dalla pandemia: è provato che, a parità di investimento, le attività che generano più posti di lavoro e fanno aumentare al massimo il giro di affari sono quelle legate all’economia verde.

Durante la fase acuta dell’emergenza, per primi abbiamo chiesto di riprendere in mano il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC), rimasto al palo per ammissione della stessa Giunta, per aggiornarlo e attuarlo. Il nostro intervento ha poi accelerato la nascita del Progetto di Efficientamento Energetico, che tuttavia ultimamente sembra essersi arenato.

La mozione ha costituito anche lo strumento per riportare a sistema le iniziative, in parte già esistenti, che rischiavano di muoversi nel solco della frammentarietà e della non ufficialità, formalizzandole e stabilendo obiettivi precisi. Abbiamo inoltre scongiurato l’effetto “tela di Penelope”, chiedendo di recuperare i progetti già in possesso del Comune ma inspiegabilmente rimasti a prendere polvere nei cassetti, come Edifici Intelligenti.

Le nostre proposte andranno a incidere su svariati fronti e alcune rappresentano veri e propri successi politici, ottenuti dopo anni di battaglie: riscaldamento degli edifici, edilizia sostenibile, energie rinnovabili (con l’apertura di uno sportello per guidare i cittadini sulle possibilità offerte dal Superbonus 110%), promozione della mobilità leggera, avvio di una pedonalizzazione intelligente del centro storico, agricoltura biologica nei terreni comunali, consumo zero di suolo e riforestazione.

Il dispositivo ampio e articolato sicuramente lancia una sfida impegnativa all’Amministrazione Comunale, d’altra parte a noi della minoranza servirà come efficace strumento per vigilare costantemente sulla sua reale attuazione.

La maggioranza non ha finora mostrato una reale attenzione ai temi della tutela ambientale, tutt’altro. Fatta eccezione per i consiglieri Luzi e Carboni, gli altri firmatari hanno tutti votato a favore del proseguimento dell’interquartieri fino a Gimarra, fingendo di non vedere che oltre alle devastazioni prodotte dai cambiamenti climatici, esistono anche quelle avvallate da certi politici con decisioni scellerate.

Con l’approvazione di questa mozione ci auguriamo che, per preservare la (poca) credibilità residua, ci vengano risparmiate ulteriori ipocrisie.

Tommaso Mazzanti
Marta Ruggeri
Francesco Panaroni






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2020 alle 15:49 sul giornale del 01 ottobre 2020 - 216 letture

In questo articolo si parla di attualità, MoVimento 5 Stelle Fano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bxmw