SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
articolo

Regionali, Aguzzi (FI) inaugura la sede [FOTO]: “Serve svolta dopo anni di non governo”

2' di lettura
586

“Il problema non è che le Marche siano state governate male, ma che non siano state governate affatto”. La pensa così Stefano Aguzzi, ex sindaco di Fano, attuale primo cittadino di Colli Metauro, nonché candidato al consiglio regionale delle Marche alle elezioni del 20 e 21 settembre tra le fila di Forza Italia. Sabato mattina l’inaugurazione della sua sede elettorale. Dove? In Corso Matteotti, proprio al civico scelto lo scorso anno da Massimo Seri prima della sua rielezione. Presente anche il candidato governatore Francesco Acquaroli.

Aguzzi non ha fatto sconti all’attuale amministrazione regionale. Di cui salva – paradossalmente – soltanto il governatore uscite Luca Ceriscioli. “A parte lui – ha detto – vi viene in mente qualche altro assessore? No, perché nessuno di loro ha saputo legare il proprio nome a qualcosa d’importante. Ed è per questo che siamo qui a parlare sempre delle stesse cose: perché i problemi, in fondo, sono rimasti sempre gli stessi”.

Dello stesso parere anche Acquaroli, che però ha portato questo tipo di analisi su un altro livello. “In questa provincia – ha commentato - siete stati colpiti più di tutti a livello di sanità e infrastrutture. La Fano-Grosseto? Ritardo incomprensibile. E sono passati trent’anni. Viene da pensare che ci sia la volontà di lasciarvi isolati”. Acquaroli ha infine ringraziato per l’invito, definendo le sedi elettorali dei megafoni all’interno delle città.

Prima del taglio del nastro, Aguzzi ha ribadito che una delle principali responsabilità dell’attuale governo regionale sarebbe quello di aver lasciato tutto in mano ai burocrati, “mentre gli ospedali vengono sviliti e per la viabilità non è stato fatto nulla”. Il candidato di Forza Italia ha infine rimarcato l’importanza di investire nelle piccole e medie imprese, senza tralasciare l’agricoltura.

Seguono le foto dell'inaugurazione.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano




Questo è un articolo pubblicato il 31-08-2020 alle 16:48 sul giornale del 01 settembre 2020 - 586 letture