Scogliere a Sassonia, si ricomincia: lavori al via nel weekend. Previsti interventi anche in altri tratti del litorale

4' di lettura Fano 15/05/2020 - Una nave piena di massi partita dalla Croazia e diretta a Fano. È il preludio a una novità tanto attesa, dai titolari degli stabilimenti balneari e non solo. Perché quei massi comporranno le nuove scogliere di Sassonia. L’inizio dei lavori – stavolta – è davvero questione di ore.

Il Covid-19 ha messo i bastoni tra le ruote e rallentato l’intero l’iter. Finalmente, però, ci siamo. La Blue Ship della ditta FT dovrebbe arrivare a breve, e il primo masso – per un totale di 86mila tonnellate - potrebbe già essere posato tra sabato e domenica. Il tratto interessato è quello di fronte ai Bagni Maurizio, e si pronostica che entro fine maggio si sarà già a buon punto.

Il prolungamento delle scogliere di Sassonia (i dettagli) rappresenta un passaggio importante, un bene per gli stabilimenti, ma anche per tutti i bagnanti. Forestieri o ‘nostrani’ che siano. E c’è grande soddisfazione per questo risultato, tra l’amministrazione comunale e non solo. “Avevamo stipulato il contratto a febbraio – ha precisato il vicesindaco Cristian Fanesi -, poi ci sono stati dei ritardi dovuti al periodo, con scadenze giustamente prorogate dal governo. Posso dire con certezza che altrimenti avremmo cominciato tutto quanto prima. Invece non è stato facile riuscire a cominciare prima dell’estate, ma adesso abbiamo le carte in regola, perciò procediamo”.

Oggi i Bagni Maurizio, domani i Bagni Carlo e i Bagni Gabriele, dove i contratti hanno subito uno stop a causa dell’emergenza sanitaria, ma i lavori dovrebbero cominciare presumibilmente in autunno. Ad annunciarlo è stato lo stesso Fanesi: “Stiamo firmando un contratto anche per quella parte di Sassonia – ha precisato -, chiudendo di fatto un progetto molto importante per gli stabilimenti e per tutta la città”. A confermare l’impegno di realizzare ulteriori scogliere è stato lo stesso sindaco Massimo Seri. “A breve parleremo anche di Ponte Sasso, mentre si sta procedendo pure per Metaurilia”, ha detto il primo cittadino, ribadendo come si stia dando una risposta concreta a impegni presi da tempo. “Abbiamo dovuto lavorarci un po', ma ci siamo arrivati”, ha concluso.

Tutto questo, però, non sarebbe stato possibile senza i finanziamenti della Regione Marche. Fano, in questo senso, ha ottenuto più fondi di tutti gli altri comuni. “Al litorale fanese – ha precisato il vicepresidente dell’assemblea legislativa delle Marche Renato Claudio Minardi – sono stati destinati 8,5 milioni di euro in cinque anni. Ci eravamo presi questo impegno, e non poteva di certa rimanere un lavoro incompiuto. Ora ci stiamo adoperando per Sassonia Sud. Contiamo di portare a casa anche questo risultato.

I più soddisfatti, però, sembrano essere i rappresentanti di categoria. Il vicepresidente di Oasi Confartigianato Andrea Giuliani ha platealmente ringraziato Comune e Regione – nello specifico lo stesso Minardi, ma anche l’assessore regionale Angelo Sciapichetti - per quanto fatto finora. “Un grande plauso a Seri e Fanesi – ha detto -, ma anche a chi ha saputo reperire le risorse. Tutto questo si sarebbe potuto fare già un anno e mezzo fa, ma è bene che si sappia che il ritardo è stato dovuto soltanto all’impresa che a un certo punto si è tirata indietro. L’amministrazione, piuttosto, ha prontamente indetto un nuovo bando di gara. Il Comune, in questo senso, ha soltanto dei meriti. Le nuove scogliere – ha aggiunto – rappresentano un grande vantaggio. Non soltanto per i bagnini, ma per tutta la città, per il sistema ricettivo e per tutta l’economia locale. Così si incentiva la creazione di nuovo Pil, risorse utili anche per i servizi ai cittadini e per la difesa delle categorie più deboli. Un aspetto non da poco, in questo periodo così delicato”. Giuliani ha infine avuto parole di elogio anche per il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli. “Il nostro protocollo spiagge è il migliore d'Italia – ha detto -, e questo grazie al governatore che ha dimostrato una grande sensibilità nei confronti delle imprese”.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 15-05-2020 alle 13:01 sul giornale del 16 maggio 2020 - 1328 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, sassonia, scogliere, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/blK2





logoEV
logoEV