Il Bastione Sangallo riapre a giugno: "E adesso un bando per la gestione di altri spazi e monumenti"

3' di lettura Fano 16/05/2020 - Il Bastione Sangallo da il via alla propria attività nella giornata di lunedì 1 giugno, seguendo tutte le disposizioni previste in materia di protezione e sicurezza e allestendo al meglio lo spazio esterno così da poter tornare, come ogni estate, a godere del monumento cinquecentesco.

Il lockdown ci ha costretti a fermare la programmazione degli eventi culturali e ad affrontare una riorganizzazione degli spazi, ad investire in sanificazione e mantenimento delle strutture, ma non ha fermato l'attività dell'Associazione che - pronta - resta in attesa di sapere come e quando sarà possibile riprendere con le mostre, gli interventi musicali, gli incontri e le conferenze.

Come titolari del Bando Comunale di gestione del Bastione Sangallo, approfittiamo per intervenire nel dibattito aperto da Enrico Anniballi e da Matteo Santinelli di "Noi Giovani" (qui la proposta). Riteniamo ottima l'idea di mettere a disposizione di chi già lavora nella ristorazione spazi cittadini esterni ai propri locali perché, già in tempi non sospetti, è esattamente quello che abbiamo fatto noi durante tutta la nostra gestione del monumento, ovvero dare ai cittadini la possibilità di consumare cibo in modalità delivery o asporto preparato dai ristoranti di Fano, intrecciando anche con alcuni di essi formule di scontistica proprio per incentivarne e invogliarne la fruizione.

Per quanto ci riguarda sarà sicuramente una strada che continueremo a percorrere insieme a ristoratori, gastronomie, ma anche produttori diretti, cantine e birrifici della zona. Solo nella scorsa stagione abbiamo ospitato dodici produttori locali e accolto cittadini che hanno consumato presso gli spazi da noi allestiti il cibo preparato da dieci ristoranti diversi. Pertanto non possiamo che appoggiare la proposta di "Noi Giovani" e in virtù di questa, per farci parte attiva e vista l'esperienza di collaborazione associazionistica che abbiamo sempre perseguito, come Bastione Sangallo vogliamo proporre l'allestimento di una zona di consumo pasti a disposizione dei ristoratori fanesi nella zona dei Giardini Leopardi, collegandoli con lo spazio della Corte Malatestiana, nella quale pensare un'area per piccoli spettacoli, concerti, cinema, oltre la possibilità di visitare il museo archeologico e la pinacoteca civica. All'interno della Corte Malatestiana potrebbero prendere posto i bar della città e le aziende produttrici che in questo tempo si trovano penalizzate nello spazio, così da poter offrire accoglienza e somministrazione. L'ampiezza delle aree garantirà la massima sicurezza.

Crediamo però che il tutto dovrà svolgersi con una direzione artistica e una organizzazione unica che, vista l'importanza storica e la rilevanza cittadina degli spazi in questione, potrà essere affidata per bando di gara dal Comune di Fano, che dovrà pensare di investire in tali iniziativa piuttosto che lasciar autofinanziare il tutto agli esercenti interessati. Tale progetto è certamente declinabile anche all'area del Pincio o alla Darsena Borghese, e non di meno alla Rocca Malatestiana che potrebbe partecipare direttamente, vista già la presenza di un gestore a cui è stato affidato il monumento tramite bando pubblico.

Noi, come Associazione che fa capo ad una filiera di realtà che lavorano sul territorio, non solo cittadino, e per l'esperienza specifica maturata, ci proponiamo per la gestione del progetto, pronti a partecipare ad un bando di gara che ci auguriamo il Comune preparerà rapidamente per l'utilizzo di questi spazi inequivocabilmente pubblici. Insomma, l'idea è davvero molto bella idea. Tanto che noi l'abbiamo già sperimentata.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2020 alle 01:12 sul giornale del 16 maggio 2020 - 502 letture

In questo articolo si parla di cultura, attualità, fano, associazione, bastione sangallo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/blNx





logoEV
logoEV