Attrezzi da scasso in auto, la Polizia sventa un possibile "colpo": 4 denunciati e allontanati da Fano

polizia 113 2' di lettura Fano 08/05/2020 - Il personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Fano ha effettuato, nei giorni scorsi, servizi straordinari di controllo e vigilanza presso le zone residenziali della città al fine di contrastare il fenomeno dei furti in abitazione.

In tale contesto le pattuglie del Commissariato di Fano, coordinate dal dirigente Stefano Seretti, hanno concentrato i controlli nelle zone più densamente popolate della città che, specialmente durate gli orari pomeridiani e serali, risultano più esposte alle intrusioni nelle abitazioni ed esercizi commerciali. Particolare attenzione è stata posta nei confronti delle aree residenziali e commerciali periferiche, più facilmente "aggredibili" dai malviventi, effettuando posti di controllo nei principali punti di accesso delle auto in città. Gli agenti hanno sottoposto a verifica 230 persone e 156 autovetture.

Nel corso di uno dei servizi in questione, l'attenzione dei poliziotti è stata attirata da una vettura con targa straniera. Seguito a distanza dai poliziotti, il mezzo in questione ha raggiunto il quartiere della Gimarra. Qui gli agenti, sospettando di avere a che fare con dei ladri intenti ad effettuare un sopralluogo in vista di qualche “colpo” all'interno delle abitazioni del quartiere, hanno proceduto al controllo degli occupanti della vettura, risultati essere quattro cittadini romeni provenienti da un campo nomadi di Torino e già noti alle Forze dell’ordine.

All'interno dell'autovettura sono stati rinvenuti diversi attrezzi da scasso. Inoltre, nei pressi è stata rintracciata una seconda vettura sempre con targa straniera, che si ritiene potesse essere stata in precedenza lasciata parcheggiata come veicolo d’appoggio da parte dei presunti malviventi. I predetti sono stati quindi denunciati all'Autorità Giudiziaria per il possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.

Inoltre agli stessi sono state contestate violazioni amministrative sia per violazioni al Codice della Strada che per il mancato rispetto delle misure per il contenimento del contagio da covid 19. Infine nei loro confronti è stata emessa la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Fano per 3 anni.






Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2020 alle 15:25 sul giornale del 09 maggio 2020 - 946 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, fano, marche, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/blhy





logoEV
logoEV