Dà un nome falso al controllo anti-covid e picchia un carabiniere: preso e multato

2' di lettura Fano 27/04/2020 - Beccato a passeggiare in compagnia di una persona, fornisce false generalità e malmena un militare. Si è conclusa così la domenica sera di un 50enne fermato per un normale controllo anti-covid.

Protagonista della vicenda un uomo di origini albanesi ma che dimora a Fano, fermato dai carabinieri della locale stazione anche perché trovato insieme a un altro uomo. Un comportamento non ammesso a causa delle restrizioni contro il coronavirus, che impediscono di allontanarsi da casa senza una valida ragione, tantomeno insieme ad altre persone.

Il tempo di raggiungerli, e il secondo uomo se l’era già data a gambe. Il 50enne, invece, è stato infine fermato dai militari nei pressi della battigia di viale Fratelli Zuccari, non lontano dallo stabilimento 'Kalaverde' e dal ristorante 'La Tratta'. L’uomo non aveva con sé i documenti, e ha dichiarato di abitare proprio in quella strada. Ma non era vero. Tanto che, non appena i carabinieri gli hanno “proposto” di raggiungere la sua dimora per visionare i documenti, se l’è data a gambe. Suo malgrado è però stato raggiunto da uno dei carabinieri, contro cui ha finito per alzare le mani.

È stata una rapida colluttazione, e il militare non ha riportato che lievi lesioni. Ma con il suo atteggiamento il 50enne non ha fatto altro che aggravare la sua posizione, soprattutto perché si è poi scoperta l’ormai scontata verità: l’albanese abita, sì, a Fano, ma da tutt’altra parte rispetto a dove è stato trovato. È emerso tutto grazie agli accertamenti eseguiti dopo averlo bloccato. L’uomo è infatti stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, oltre che per aver fornito false dichiarazioni sull’identità personale. Lunedì mattina l’udienza di convalida. In seguito alla quale il 50enne è stato contravvenzionato anche per la normativa anti-covid, ma infine rimesso in libertà.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 27-04-2020 alle 19:55 sul giornale del 28 aprile 2020 - 3918 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, carabinieri, articolo, Simone Celli, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bkse