Ospedale da campo nel Centro agroalimentare Piceno, Urbinati: "Ipotesi mai presa in considerazione"

italia viva 1' di lettura Fano 31/03/2020 - La Regione non ha mai minimamente preso in considerazione la realizzazione di un ospedale da campo nell’area del Centro agroalimentare Piceno”. Lo assicura il capogruppo regionale di Italia Viva, Fabio Urbinati, ribadendo il ruolo di primaria importanza svolto sul territorio dalla struttura, dove sono localizzate e pienamente operative circa 80 imprese, di marchi nazionali e internazionali, con un indotto di lavoratori che supera le 800 persone.

Ritengo opportuno tranquillizzare tutti gli operatori – prosegue l’esponente di Iv- smentendo le ipotesi circolanti in questi giorni di una possibile ubicazione nelle area dove è localizzato il Centro agroalimentare di un ospedale Covid-19.

Le funzioni del Cap, che in questo periodo di lockdown sta svolgendo una importante attività di smistamento di prodotti alimentari, oltre ad essere sede del Banco alimentare onlus, l’associazione di volontariato che si occupa della consegna dei beni di prima necessità ai meno abbienti, proseguiranno a essere le stesse”. E infine aggiunge: “In questa fase delicata che stiamo attraversando, le terapie intensive e sub intensive servono a salvare la vita delle persone. Per questo è bene che le scelte per quanto riguarda la localizzazione di eventuali ospedali da campo restino in capo ai sindaci e alle autorità sanitarie competenti”.


Da Fabio Urbinati
Consigliere Regionale Italia Viva





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2020 alle 12:52 sul giornale del 01 aprile 2020 - 165 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, Fabio Urbinati, italia viva, gruppo consiliare italia viva, comunicato stampa





logoEV