IN EVIDENZA



10 novembre 2020




...

Tutti contro Carriera, Carriera contro tutti. Non si placano le polemiche dopo la ‘cena dei ribelli’ di venerdì sera, organizzata dal discusso ristoratore pesarese – apertamente in guerra contro le chiusure anticipate – nel suo locale fanese ‘Chic’. Dopo aver incassato una lunga serie di aspre critiche, l’imprenditore ha deciso di replicare. E senza mezzi termini.


...

Ciò che è avvenuto venerdì sera a Fano è di una gravità inaudita. Un personaggio in cerca di pubblicità si è alleato ad un personaggio che vive solo per quello, facendosi beffe delle Istituzioni. della legalità e di tutto il mondo delle imprese di ristorazione che – pur contestando i provvedimenti governativi – è rispettoso delle Leggi.



...

Anche l’evento “Cartoceto Dop, il Festival - 44^ Mostra Mercato dell’Olio e dell’Oliva”, è stato falcidiato dalle ultime misure in materia di prevenzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19, a seguito delle quali l’Amministrazione Comunale, la Pro Loco ed il Consorzio della DOP Cartoceto, si sono visti costretti ad annullare l’edizione 2020.






...

La settimana dal 2 al 8 novembre è stata quella con il più alto numero di contagi di sempre nelle Marche. Oggi i malati sono più di 10.000. Nel mese di ottobre però il numero dei contagi raddoppiava in poco più di una settimana, nella prima settimana di novembre invece la crescita c'è stata, ma di poco più del 10%.


9 novembre 2020

...

Sanzioni per tutti, ovviamente proprietario compreso. Che si è visto pure chiudere il locale per cinque giorni. È quanto deciso all’indomani della cena tenutasi allo ‘Chic’ di Fano, ristorante del discusso imprenditore pesarese Umberto Carriera, che sin dalla sua entrata in vigore ha dichiarato guerra al DPCM che costringe i locali a chiudere alle 18.


...

Le sanzioni scattate dopo la ‘cena dei ribelli’ hanno messo un punto su quanto successo venerdì sera a Fano. Ma non un punto definitivo. Perché il discusso imprenditore pesarese Umberto Carriera e il parlamentare Vittorio Sgarbi hanno continuato la loro battaglia contro le chiusure anticipate dei locali volute dal governo. Come? Invitando a cena i sindaci di Fano, Pesaro e Urbino per un ‘confronto’ sulle restrizioni. Ma si sono ritrovati da soli. Altra chance durante il pranzo di domenica, ma a quanto pare è saltato pure questo.


...

A cena in un ristorante. Dopo le 18. Nonostante il DPCM. È successo allo ‘Chic’, nel pieno centro storico di Fano, a un passo dal Comune. Il titolare è nientemeno che Umberto Carriera, il ristoratore pesarese divenuto protagonista delle cronache locali - e nazionali - per aver ‘sfidato’ il DPCM che impone la chiusura alle 18 di bar e ristoranti. A tavola, insieme a lui e a un’altra ventina di persone, c’era pure Vittorio Sgarbi. L’onorevole e critico d’arte era in realtà un ospite atteso. Anzi, annunciato. Anche se fino all’ultimo si è creduto che i due avrebbero cenato in uno dei ristoranti pesaresi di Carriera.



...

“Caro Vittorio ho appena ascoltato il tuo videomessaggio, mi perdonerai se ti rispondo vestito”. È pacificante e propositiva la replica del sindaco di Fano Massimo Seri a Vittorio Sgarbi, che attraverso un filmato pubblicato sui social aveva invitato il primo cittadino fanese e l’omologo pesarese Matteo Ricci a cenare insieme sabato sera per discutere del DPCM che obbliga i locali a chiudere alle 18.




...

“Quel che è successo è inaccettabile. Rispetto tutte le posizioni ma questi comportamenti vanno sanzionati, perché diventano un’offesa e un affronto nei confronti di tutti coloro che rispettano le regole chiudendo alle 18”. È questo il parere del sindaco di Fano Massimo Seri dopo l’ennesima provocazione messa in atto dal ristoratore Umberto Carriera.



...

“La sceneggiata che si è svolta ieri in un ristorante del centro storico di Fano con protagonisti un ristoratore in cerca di pubblicità facile e un provocatore seriale come Vittorio Sgarbi è stata vergognosa.” Così Marta Ruggeri, attuale consigliera regionale ma per anni consigliera comunale per il M5S di Fano, città in cui risiede.



...

La Buldog Lucrezia espugna il campo della Virtus Rutigliano per 4-2. Convincente prestazione da parte dei gialloblu che, con diverse assenze, sono riusciti a violare il Tensostatico, campo solitamente ostico. Un successo importante per i ragazzi di mister Elia Renzoni che allungano la serie positiva in classifica generale in vista dei prossimi impegni e confermano l'ottimo momento di forma.


7 novembre 2020





...

“Un bambino senza una brava maestra di nido è come una porta senza maniglia”. Recita così un antico proverbio ebraico ed è anche questa la prima frase scritta nella pergamena che questa mattina il Comune di Fano ha consegnato ad Anna Cecchini, storica educatrice di Fano che dopo oltre 40 anni di carriera nei giorni scorsi ha deciso di prendersi il meritato riposo.



...

Cosa succede quando l'istituzione scolastica insegna ai ragazzi ad amare la guerra? Lo racconta Erich Maria Remarque nel libro "Niente di nuovo sul fronte occidentale": gli studenti si arruolano volontari per la Prima Guerra Mondiale, scoprono sulla loro pelle gli orrori della guerra e pagano con la loro vita. Per questo non può passare sotto silenzio la lettera del Direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per le Marche Marco Ugo Filisetti. La nostra redazione ha lanciato una petizione su change.org.


...

La legalità della cannabis varia da paese a paese, dipende dal suo possesso, distribuzione, coltivazioni, modalità e motivo di consumo. Per la prima volta la pianta fu vietata negli Stati Uniti nel ‘37, soprattutto per interessi economici di settore, e in seguito la proibizione si estese a molti altri paesi, soprattutto in Occidente.



...

Nonostante la sconfitta elettorale il Sindaco Seri e il PD locale e provinciale insistono su progetti folli e sconsiderati per essendo consapevoli che sono oramai lettera morta.



...

La Presidente di Confcommercio di Fano Barbara Marcolini e il Segretario Marco Arzeni sono stati ricevuti venerdì dal Signor Prefetto Vittorio Lapolla a seguito di una nota che l’Associazione di categoria aveva inviato pochi giorni orsono ed in cui veniva esternata la preoccupazione, da parte degli operatori economici della Città della Fortuna, che i vari provvedimenti di chiusura predisposti dal Governo potessero portare anche conseguenze dal punto di vista della pubblica sicurezza.