SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Centro storico e zona mare, Nuova Fano: "I dubbi ci affliggono. Sindaco, se ci sei batti un colpo"

3' di lettura
234

Non possiamo nascondere che molti sono i dubbi che ci affliggono riguardo alla scellerata proposta di questa Amministrazione comunale che non valorizza e non invita ma, a parer nostro, abbatte di fatto il centro storico e la zona mare.

Si parla già da qualche anno di valorizzare il centro storico, salotto della città, per riportare i cittadini nel luogo più bello di Fano invece, stranamente, questi signori Amministratori , in causa l’Assessore Tonelli, fanno tutto l’opposto annunciando azioni che chiudono il centro storico in una gabbia con alla porta un bel lucchetto impossibile da aprire.

Il centro storico per mantenere i suoi livelli ed essere salotto della città ha bisogno di essere vissuto , su questo non abbiamo dubbi, ma se queste sono le prospettive qualcosa non torna.

Non solo il centro ma anche la zona mare viene penalizzata da divisioni che sinceramente non capiamo ! si parla tanto di ridare forza al turismo del mare, di valorizzare i locali presenti e poi si fanno scelte che portano nella direzione opposta ?

Non credo che abbiamo una Amministrazione formata da totali incapaci e allora qualche domanda credo che dobbiamo farcela .

Parliamo dell’operazione Auchan , oppure del prossimo pseudo centro commerciale in viale Piceno, che ha interessato l’Amministrazione comunale con le opere compensative . All’interno di queste strutture ci sono e sono previsti, come in Viale Piceno, negozi non alimentari con ampi parcheggi auto gratuiti. Tutto questo ben venga e ben venga l’ampia scelta che offre la città però , la domanda sorge spontanea, non saremo in mani fantasma che scelgono di abbattere i piccoli commercianti ormai storici della città per portare l’acqua nei mulini nuovi ? naturalmente è una domanda più che legittima che non ho visto porre da nessuno ! abbiamo forse paura di mettere sul tavolo questo dubbio ?

Non ci risultano interventi da parte del primo cittadino. Un sindaco ad oggi sarebbe comunque intervenuto ! invece ? silenzio assoluto ! dove sei sindaco ?

La Nuova Fano ha più volte sottolineato che i commercianti sono sommersi da affitti molto onerosi, nonostante la crisi, ed elevati costi di gestione . Basta passeggiare per le vie del centro per rendersi conto che sono sempre di più le saracinesche abbassate.

Ad oggi solo promesse ma nulla di concreto per fronteggiare questa problematica. Come mai ?

Abbiamo proposto di rivedere le tariffe dei parcheggi esistenti con degli incentivi, dei sconti delle tariffe che aiutino i cittadini a scegliere di venire in centro, di crearne altri a disco orario di almeno 90 minuti. L’area ex Agip potrebbe diventare un parcheggio anche a disco orario di almeno 90 minuti . Il Vanvitelli, che ad oggi è un eterno sconosciuto, va valorizzato e deve essere bene indicato migliorando le tariffe orarie . Tariffe minori che andrebbero ad ammortizzare lo svantaggio economico perché più persone verrebbero a parcheggiare per andare in centro. Invece questa Amministrazione fa scelte opposte che portano altrove ! che strano !E’ chiaro che un cittadino che deve pagare un parcheggio ovunque e con una tariffa maggiorata se deve andare ad acquistare in un negozio va nei centri commerciali dove arriva e parcheggia gratis . E non ci vengano a raccontare che aumentare le tariffe e far pagare il parcheggio ovunque, a ridosso della città e della zona mare, lo scopo è incentivare la mobilità ciclistica. Sarebbe riduttivo perché il centro non vive solo di fanesi che si spostano in bicicletta. Non dimentichiamo, inoltre, il parcheggio del foro boario , Sarà asfaltato, ottimo, ma i parcheggi si pagheranno anche lì. Così anche chi deve andare nel luogo di sofferenza , l’Ospedale, dovrà soffrire anche questa novità assurda.

Come Nuova Fano ci sentiamo vicino ai commercianti tutti, centro storico e zona Mare, e faremo di tutto per esserlo concretamente contro queste scelte assurde e inaccettabili.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2019 alle 15:33 sul giornale del 17 dicembre 2019 - 234 letture