Lungomare, Lega: "Water Front paradossale, Amministrazione volta le spalle alle reali esigenze degli operatori"

1' di lettura Fano 11/11/2019 - L’Amministrazione Seri continua il lancio di nuovi progetti, frutto per lo più di propaganda e proclami, col sospetto del malcelato intento di guadagnare tempo circa il pressing di cittadini, lavoratori e associazioni di categoria.

Ultimo non ultimo, il nuovo tavolo Water Front, con il compito di definire il millantato restyling del lungomare fanese. Crediamo sia davvero paradossale da parte del sindaco e della sua giunta, avere la faccia tosta di continuare a mettere carne al fuoco senza la benché minima intenzione di ultimare i lavori ancora incompiuti. Oseremmo dire in alto mare, primo fra tutti il completamento delle scogliere.

In questo estenuante rimpallo di competenze fra Comune e Regione, assistiamo increduli alla totale incapacità di intervenire efficacemente sul problema erosione delle spiagge, che ogni anno causa sofferenza economica agli operatori coinvolti e a tutto l’indotto balneare.

Ci chiediamo con quale criterio si pensi a progettare la passeggiata del lungo mare Sassonia, prima di ultimare in maniera definitiva le scogliere, senza le quali si rischia di mettere in ginocchio migliaia di lavoratori.

L’amministrazione deve immediatamente mettere a bilancio i 200.000 € per cofinanziare assieme alla regione il 1.000.000 di € necessari alla realizzazione dell’opera.

L’impressione tuttavia, è che si continui a spendere altrove, voltando le spalle alle reali esigenze dei nostri operatori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2019 alle 15:26 sul giornale del 12 novembre 2019 - 448 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, lega, lega fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcEr