"Aquile randagie", al Politeama l'anteprima del film sugli scout che sfidarono Mussolini

2' di lettura Fano 26/09/2019 - “Non è giusto, e noi non lo accettiamo, che ci venga impedito di vivere secondo la nostra Legge, che è Legge di libertà, lealtà e fraternità.” Siamo a Milano, pochi anni dopo la presa del potere da parte del Partito Fascista. Benito Mussolini ha appena dato l’ordine categorico di chiudere tutte le associazioni che non rientrano tra quelle ufficiali approvate da lui in persona.

Naturalmente, tra queste c’è anche l’associazione degli Scout Cattolici Italiani.

Sembra non esserci scelta: continuare le attività Scout è fuorilegge. Portare un fazzolettone, un’uniforme diversa da quella fascista, obbedire ad una Legge che non ha nulla a che vedere con quella del regime, è fuorilegge.

Eppure, se noi oggi possiamo dire di essere Scout, è perché ci sono stati dei ragazzi che, in questa situazione apparentemente senza via d’uscita, una via se la sono inventata; che hanno deciso di dire no, noi non ci arrendiamo all’odio. Non scenderemo mai a compromessi con il male.

Questi ragazzi non erano degli eroi. Non si aspettavano certo di diventare parte della Resistenza. Di sicuro, hanno anche avuto paura.

Ma come in ogni grande storia – quelle che vale la pena raccontare e ascoltare ancora una volta, e un’altra ancora, la sera attorno al fuoco – ad un certo punto qualcuno decide di muovere il primo passo dall’altra parte di quella paura, di non lasciarsi paralizzare. Perché non c’è dittatore che tenga di fronte alla bellezza della Legge a cui tutti noi Scout un giorno abbiamo Promesso di restare fedeli.

Questi ragazzi si chiamavano Aquile Randagie, e questo film racconta la loro storia.

Una storia d’avventura, che ci trasporta tra gli splendidi monti della Val Codera, luogo che è diventato la loro casa, libero e selvaggio come il loro spirito.

Una storia di coraggio e di ribellione, quella di chi non si piega di fronte all’ingiustizia, non rimane in silenzio, ma sceglie di schierarsi dalla parte di tutto ciò che ritiene giusto, vero e autentico, e di difenderlo fino in fondo, con tutte le forze.

E infine una storia di fedeltà ad una promessa: quella di durare un giorno in più del fascismo. Sempre, in qualunque epoca e con qualunque volto il fascismo si presenti.

Una storia che è anche la nostra, che appartiene a tutti, la stessa che ha reso l’Italia un Paese libero ed unito:

Noi Scout AGESCI ed FSE di Fano vi invitiamo quindi a riviverla insieme, al Cinema Politeama, in queste date:
Anteprima, sabato 28 settembre ore 17:00;
Altre proiezioni: sabato 28 settembre ore 19:15 e 21:15; domenica 29 settembre ore 16:30, 18:40 e 21:00 mercoledì 2 ottobre ore 18:30 e 21:15

Vi aspettiamo!

Autrice: Ilaria Ghiselli

Da Gruppo Fano 1° - FSE








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-09-2019 alle 15:11 sul giornale del 27 settembre 2019 - 769 letture

In questo articolo si parla di fse, fano, scout, spettacoli, antifascismo, agesci, Aquile randagie

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ba1B





logoEV
logoEV