Arriva la carta carburante

4' di lettura Fano 12/09/2019 - Con la nuova legge di bilancio entrata in vigore già da gennaio 2019 termina l’era del pagamento del carburante in contanti per liberi professionisti e aziende.

Il decreto sancisce l’obbligo per tutti i proprietari di partita Iva di pagare le spese del carburante tramite mezzi tracciabili. Se si vogliono detrarre le spese della benzina relative alla propria attività, da quest’anno è necessario l’utilizzo di carte di credito/debito o di carte prepagate.

In realtà, sul mercato si è lanciata un’opzione alternativa, già scelta da numerose aziende: la carta carburante.

Che cos’è la carta carburante
Le carte carburante sono carte di pagamento prepagate che consentono il pagamento del rifornimento di benzina, diesel e altri combustibili nelle stazioni di servizio. Non solo il pagamento tramite la carta carburante viene riconosciuto legalmente come metodo di detrazione dell’Iva per fini fiscali ma è soprattutto un metodo che facilita la rendicontazione e la contabilità aziendale delle spese relative all’uso del carburante per lavoro. Infatti, tramite tali carte, il processo delle spese viene automatizzato e digitalizzato, permettendo una facile gestione di ricapitolazione della deduzione delle spese e dalla compilazione della obbligatoria fattura elettronica.

Funzionamento e benefici della carta carburante
Al momento del pagamento della benzina al distributore con la carta carburante, il costo viene automaticamente registrato sul conto della carta e il titolare del conto, che può essere un singolo libero professionista come un’intera azienda, viene regolarmente fatturato per il carburante relativo a quel conto stesso.

Questo ovviamente comporta dei benefici non solo sul piano di sveltimento del lavoro di raccolta dei dati ai fini fiscali ma anche sul piano del controllo delle spese effettuate da diversi dipendenti. L’uso della carta carburante diventa così il miglior mezzo per fornire un resoconto completo sul consumo di carburante poiché permette di determinare in ogni transizione la persona, il luogo e il prezzo. La carta carburante non solo consente una visione generale della situazione all’azienda ma garantisce di visualizzare i report in tempo reale e di fissare anche dei limiti di spesa.

Da non sottovalutare il fatto che alcune carte carburante offrono un sistema di applicazioni (app) che consente di ricercare le migliori offerte sul prezzo del carburante in aree selezionate, assicurando a fine mese un risparmio notevole sulle spese complessive relative alla mobilità.

Diverse tipologie di carta carburante
Vi è una vasta gamma di carte carburante sul mercato tra cui poter scegliere, dipendentemente dalle esigenze del beneficiario e dai limiti dei servizi offerti da ciascuna carta. Tali carte si possono dividere comunque in tre principali categorie: carte monomarca, carte multimarca, carte universali.

Carte carburante monomarca
Come indica il nome stesso, tali carte vengono emesse da grandi compagnie petrolifere e consentono il rifornimento solamente presso i distributori della marca della carta carburante scelta. Il risparmio avviene grazie ad una serie di offerte e sconti garantiti dalla compagnia scelta come premio fedeltà del cliente. Lo svantaggio d’altra parte è chiaro: per chi non ha la certezza di utilizzare lo stesso distributore lungo i propri spostamenti, vi è una ridotta libertà di scelta di rifornimento.

Carte carburante multimarca
Carte multimarca offrono invece una più larga scelta, permettendo di rifornirsi a diversi distributori (non della stessa marca) purché convenzionati al servizio. Anche se le carte multimarca presentano da un lato una maggiore flessibilità, dall’altro si conta che il maggior numero di distributori convenzionati non supera comunque in Italia il 25% dei distributori complessivi, rendendo difficile o svantaggioso per il guidatore creare un percorso che incontri tali distributori convenzionati.


Carte carburante universali

L’unica carta universale finora conosciuta sul mercato è Soldo Drive, una carta che svincola dai legami di scelta dei distributori convenzionati e permette una libertà maggiore di movimento. Tale carta infatti presenta come unica restrizione il fatto di poter essere utilizzata presso i distributori che accettino pagamenti tramite i circuiti Mastercard, un requisito decisamente semplice da soddisfare.






Questo è un articolo pubblicato il 12-09-2019 alle 10:12 sul giornale del 12 settembre 2019 - 187 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bavv





logoEV
logoEV