Digestore: Lega, "Si sente già puzza di fregatura"

lega salvini premier 1' di lettura Fano 13/07/2019 - In consiglio comunale il Sindaco Seri ha spazzato via ogni dubbio, rendendo carta straccia le promesse fatte in campagna elettorale.

Fano avrà il suo digestore e sarà un impianto la cui capacità sarà multipla rispetto a quella necessaria alla nostra comunità. La “scusa” per far ingoiare il rospo ai cittadini che se lo ritroveranno sotto casa è quella che altrimenti andrebbero alzate le tariffe. Seri non spiega però ai cittadini perché a Fano dovrebbero arrivare i rifiuti di tutta la provincia e non solo. Dice il Sindaco che “faranno a gara” per portarli, fiutando per Aset un affare che a noi puzza invece di fregatura.

Per prima cosa un impianto di quelle dimensioni necessita di investimenti che se sostenuti solo da Aset ne mettono a repentaglio gli equilibri finanziari e aprono la strada in caso di difficoltà economiche alla fusione-cessione con altre società di servizi. C’è poi l’aspetto relativo all’aumento del traffico per il trasporto e allo stoccaggio dei rifiuti che avrà un impatto non indifferente sulla zona che lo dovrà ospitare. Lo studio commissionato a Nomisma è piuttosto chiaro, i cittadini di Bellocchi possono iniziare a preoccuparsi.

Ci auspichiamo che prima di prendere ogni decisione sul sito, un nuovo studio possa essere affidato a società meno legate ad altre aziende di servizi e che si pensi bene alle dimensioni, perché se è vero che un digestore può essere una soluzione efficace, occorre che lo sia per Fano che non deve diventare la discarica di due provincie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-07-2019 alle 12:58 sul giornale del 15 luglio 2019 - 891 letture

In questo articolo si parla di politica, lega, lega fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a9BG





logoEV
logoEV