Incendio scuolabus, Paolini (Lega): "Segnale inquietante, lo trasmetterò in Commissione Antimafia"

vigili del Fuoco 3' di lettura Fano 21/05/2019 - Come noto, l'incendio doloso è uno dei c.d. "reati spia" di presenze mafiose sul territorio. Non sempre, come ovvio. Ma spesso si. Chi incendia lo può fare per estorcere denaro, per "vendicare" una pretesa non soddisfatta, oppure come segnale diretto a tutti gli altri per comunicare la propria "presenza" e il proprio "peso" criminale. Allarmismo? No. Una delle varie ipotesi concrete che un episodio del genere può sottendere.

D'altra parte, in due recenti incontri sul tema "presenza delle Mafie nelle Marche" cui ho partecipato a Pesaro e Fossombrone, presenti l'ex Procuratore Generale Macrì, il Procuratore Generale Sottani, il Procuratore di Urbino Boni, e i sostituti Paci, Gigliola, Lilliu, è emerso che, seppure non esista dalle nostre parti un controllo mafioso del territorio, il fumus della presenze della criminalità organizzata si intravede. Qui non sparano ( l'omicidio Bruzzese di Natale nasce, quasi certamente, altrove ed è stato eseguito a Pesaro solo perchè la vittima qui risiedeva ) ma qui molto probabilmente investono e comprano pezzi del nostro sistema economico, talora in svendita causa crisi.

D'altra parte, le immense masse di denaro liquido realizzate con droga, gioco on line, prostituzione, usura, (anche attraverso società finanziarie apparentemente regolari), recupero crediti, traffico d'uomini, caporalato, fallimenti pilotati, turbative d'asta, false fatturazioni, devono essere riciclate e impiegate per fruttare altro denaro e altro potere.

Quello che forse non tutti sanno è che alle organizzazioni criminali non preme solo il guadagno ma anche - ma qualcuno dice soprattutto - il consenso sociale, la "presa" sulla collettività che si esercita, in particolar modo oggi, con la possibilità di dare o non dare lavoro. In una intercettazione che mi ha particolarmente colpito un mafioso dice esplicitamente che l'uomo che hanno piazzato in un certo posto ha deluso le loro aspettative perchè non ha assunto, o non stato in grado di far assumere, quelli che dicevano loro.

Non voglio né posso dare giudizi su cosa sia successo davvero a Colli al Metauro, che comunque segnalerò alla Commissione Antimafia per opportuna conoscenza. Saranno gli investigatori e i magistrati a cercare di scoprirlo. Magari si è trattato di un incidente. Ma se invece così non fosse si tratterebbe di un episodio di una gravità eccezionale per il nostro territorio, che dovrebbe indurre tutti, soprattutto coloro che hanno attività economiche, ad aprire ancora di più gli occhi e collaborare con le forze dell'Ordine e la Procura Distrettuale Antimafia, segnalando, anche in via anonima ma circostanziata, ogni tipo di richiesta o proposta economica anomala che gli pervenga. Ad esempio offerta di servizi a prezzi stracciati, consulenze, forniture, richieste di assunzioni, improvvise richieste di entrare come soci nella propria attività o simili. Informarsi in modo approfondito su chi avete realmente di fronte, senza fermarsi alla apparenza.

Non vi troverete di fronte a un signore con la coppola e la lupara, ma uno accattivante, empatico, ben vestita, educato e tranquillizzante, magari una bella e giovane donna o un signore assistito da fior di professionisti. Pensate sempre che nessuno regala niente e che i lupi si vestono talora da agnelli per meglio fare strage del gregge.


da Luca Rodolfo Paolini
       parlamentare Lega 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2019 alle 15:50 sul giornale del 22 maggio 2019 - 2563 letture

In questo articolo si parla di attualità, incendio, vigili del fuoco, scuolabus, Luca Paolini, colli al metauro, commissione antimafia, incendio scuolabus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7JN





logoEV