Sport e disabilità: “Oltre la meta”, da sabato due giorni di rugby molto speciali

1' di lettura Fano 10/05/2019 - Si chiama “Oltre la meta”, ma potrebbe benissimo chiamarsi in un altro modo. “Oltre i limiti”, “Oltre le barriere”, “Oltre la disabilità”. Comunque “oltre”, perché la forza individuale e il sostegno di chi ci sta accanto ci consente di superare qualsiasi confine. È questo lo spirito della due giorni di rugby che andrà in scena nel fine settimana. Un evento all’insegna dello sport e dell’inclusione sociale che vedrà in campo atleti molto speciali.

L’appuntamento è per sabato 11 e domenica 12 maggio, nel campo del Fano Rugby di via Tomassoni. A giocare saranno i Romanes di Roma (rugby in carrozzina) e gli Atipici di Bari (rugby integrato, che unisce ragazzi con disabilità intellettiva e facilitatori, normodotati che danno loro un supporto). In campo anche i ragazzi del Fano Rugby e dell’Urbino Rugby: sono loro - insieme alle associazioni Libera.mente e Omphalos - ad aver organizzato l’evento. Preziosa anche la collaborazione di Matthias Canapini, rugbista fanese impegnato nel sociale, fotografo giramondo nonché autore di diversi libri (qui una nostra intervista).

“Bisogna aprirsi sempre di più verso l’integrazione – hanno commentato Marina Bargnesi e Caterina Del Bianco, rispettivamente titolari degli assessorati alle politiche sociali e allo sport -, e ancora una volta Fano si è mostrata pronta”. Tutti al campo da rugby, dunque, per familiarizzare con questo sport noto per la sua capacità di diffondere dei sani valori. Sarà un’occasione d’oro, inoltre, per quelle famiglie con figli “speciali” che nel rugby potrebbero trovare una nuova fonte di gioia e di soddisfazione personale.








Questo è un articolo pubblicato il 10-05-2019 alle 18:17 sul giornale del 11 maggio 2019 - 589 letture

In questo articolo si parla di fano, sport, rugby, disabilità, Fano Rugby, matthias canapini, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7lK





logoEV