Salvini a Fano, la Lega: “Sarà una festa, garantiti selfie per tutti”

3' di lettura Fano 08/05/2019 - Un comizio vecchia maniera, ma condito con la “modernità” incarnata da Salvini. Così la Lega fanese definisce l’appuntamento di giovedì con il ministro degli interni, nonché leader del Carroccio. Verrà in Piazza XX Settembre a partire dalle 12, a sostegno della candidata di centrodestra Lucia Tarsi.

Quello che Salvini sta compiendo nelle Marche è un vero e proprio tour. “De force”, verrebbe da aggiungere, dato il ritmo serrato degli appuntamenti. A Fano ci arriverà dopo la tappa pesarese e prima di quella di Osimo, e resterà circa un paio d’ore. Presumibilmente una per il comizio, e l’altra per i proverbiali selfie. Proprio come alla festa regionale della Lega dello scorso anno, giovedì c’è da aspettarsi una gran fila di simpatizzanti che vogliono scattarsi una foto con il numero uno della Lega. Meteo permettendo, perché le previsioni sono tutt’altro che rosee.

“Non sarà una festa soltanto per i militanti, ma per tutti”, hanno detto con soddisfazione gli esponenti fanesi del partito. Nel frattempo, tutto sembra essere pronto. Mercoledì pomeriggio il montaggio del palco, con il segretario comunale – Mei - e quello provinciale - Doglioni - intenti a monitorare i lavori. Dal canto suo, l’amministrazione ha emesso un’ordinanza che vieta la vendita di bevande in contenitori di vetro e lattine. Un provvedimento che proibisce anche ai locali del circondario di addobbare la piazza con sedie e tavoli (qui tutti i dettagli).

E la sicurezza? Di certo ci sarà un più che discreto dispiegamento di forze dell’ordine, con agenti provenienti anche da fuori città. Ed è proprio questo uno dei tasti che i leghisti fanesi intendono toccare durante l’incontro con Salvini. Hanno infatti intenzione di chiedere al ministro dell’interno che il commissariato di polizia della Città della Fortuna non resti sguarnito per via del pensionamento di alcuni agenti, e che ci sia – piuttosto – il necessario reintegro. Altro problema è lo smantellamento della squadra investigativa avvenuto proprio per mancanza di personale.

L’appuntamento con Salvini sarà l’occasione per discutere di questo e di molto altro. Allo stesso tempo, sarà una vetrina per i candidati della Lega alle prossime elezioni amministrative. Ci saranno loro sul palco, insieme al loro leader e alla stessa Tarsi. A cui oggi Samuele Mascarin - candidato di In Comune a sostegno di Massimo Seri - ha sottoposto tre questioni inerenti la sicurezza, mentre il collega di coalizione Etienn Lucarelli (della lista Insieme è meglio) ha accusato la Lega di utilizzare soldi pubblici per la sua visibilità. Ancora prima, però, era stato Doglioni a porre un quesito al sindaco uscente. “Grazie a un decreto di Salvini – ha detto -, a Fano sono stati assegnati 34mila euro per il contrasto delle droghe nelle scuole. Ma c’è tempo fino al 31 maggio per presentare la domanda. Mi domando se Seri se lo ricordi. La presenza di Salvini potrebbe essere l’occasione per occuparsi della cosa di persona. A meno che non l’abbia già fatto, questo io non lo so”.


Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2019 alle 22:21 sul giornale del 09 maggio 2019 - 2814 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, lega, articolo, matteo salvini, elezioni 2019, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7gL