Sconti in bolletta su Tari e ciclo idrico: tutti i dettagli

Fano 22/03/2019 - Buone notizie per le attività industriali, artigianali, commerciali, esercizi di somministrazione, strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere a carattere imprenditoriale e terziario.

La giunta del Comune di Fano su proposta dell’assessore Cecchetelli, infatti, ha approvato ieri la delibera n. 115 che prevede agevolazioni tariffarie del tributo Tari e Ciclo Idrico a favore di utenze non domestiche, un atto concreto per dare impulso alla ripresa economica e per incentivare le aperture di nuove attività produttive in particolare a sostegno dei giovani e che arriva dopo bando analogo del 2018.

Possono presentare la domanda varie tipologie di imprese:
- i titolari di nuove attività avviate nel 2018 o nel 2019, comunque con data antecedente alla richiesta
- i titolari di attività in locali aperti al pubblico in esercizio al momento della presentazione della domanda, che abbiano comunicato la cessazione dell'attività di installazione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici, elettronici da trattenimento o da gioco di abilità (tali soggetti dovranno dichiarare di aver provveduto alla rimozione delle suddette apparecchiature e di aver esposto il logo “FANO NO-SLOT” documentato da documentazione fotografica;
- i soggetti che abbiano trasferito la propria attività nell'anno 2018 e fino alla data di scadenza di presentazione della domanda, da altro Comune, nel territorio del comune di Fano;
- i soggetti titolari di strutture ricettive alberghiere ad apertura annuale in esercizio al momento della presentazione della domanda;
- i titolari di imprese/attività che abbiano assunto nell'anno 2018 e fino al momento della scadenza di presentazione della domanda, giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni con contratto a tempo indeterminato o determinato superiore o uguale a 12 mesi;
- i titolari di attività in esercizio al momento della presentazione della domanda che dimostrino di aver effettuato nell’anno 2018 opere di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento;
- i titolari in regola in merito alle disposizioni del nuovo regolamento sull’Arredo Urbano in centro storico;

Non possono partecipare al bando quelle aziende che abbiano in itinere una richiesta per l’installazione di apparecchi automatici quali slot o simili.

I soggetti di cui sopra potranno presentare domanda nella quale fare richiesta di agevolazione sia per quanto riguarda la Tari sia per quanto riguarda il Ciclo Idrico. I contributi riconosciuti agli aventi diritto saranno erogati sulle bollette o avvisi di pagamento, emessi nell'anno 2019. Il contributo riconosciuto per quanto riguarda la Tari non potrà eccedere i 1.500euro mentre il contributo inerente il ciclo idrico sarà attribuito in base alla categoria di appartenenza. Nel caso in cui i contributi da concedere, in base alle domande ammesse, eccedano le somme a disposizione, le stesse saranno erogate in maniera proporzionale. In caso di bolletta di importo inferiore a quello del contributo assegnato, il valore residuo da rimborsare verrà dedotto dalle successive bollette.

Il soggetto che sia già stato beneficiario dei contributi negli anni precedenti per un determinato criterio, non potrà ripresentare domanda per l'anno 2019 per lo stesso criterio.

“Le piccole e medie imprese – spiega l’assessore alle attività economiche e al bilancio, Carla Cecchetelli – sono il motore dell’economia pertanto è nostro dovere mettere loro a disposizione tutte le agevolazioni possibili. Visto il buon esito dello scorso anno, abbiamo deciso di riproporre questo bando che oltre a tendere la mano a commercianti e artigiani vuol dare un segnale forte su quella che è la politica che abbiamo portato avanti in questi anni: ovvero incentivare chi assume giovani, chi migliora il proprio locale e chi elimina o non installa nel proprio locale apparecchiature per il gioco d’azzardo”.

Il bando a giorni sarà pubblicato sul sito istituzionale del Comune.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2019 alle 15:56 sul giornale del 23 marzo 2019 - 1265 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, comune di fano, bollette

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5D9