“Sono una persona tranquilla”: giallo delle ossa rotte, lo sfogo di Federico dal letto d'ospedale

2' di lettura Fano 18/02/2019 - Sua madre l'ha trovato sofferente nel suo letto. Aveva entrambe le spalle rotte, così come l'osso del bacino. A distanza di giorni resta ancora il mistero di chi - o cosa - abbia ridotto così Federico Carloni, il 39enne fanese protagonista di questa apparentemente assurda vicenda. Subito pronte le solite malelingue del web, con le loro teorie sulla presunta vita sregolata di Federico. Il quale, però, seppur garbatamente, non ci sta a dover ascoltare certe fesserie sul suo conto.

“A distanza di qualche giorno, e con la situazione un po' più tranquilla, vorrei dire io un mio breve pensiero”, ha esordito il 39enne con un post sul suo profilo Facebook. “Mio malgrado sono diventato "famoso" per un fatto di cronaca piuttosto particolare (qui tutti i dettagli, ndr), del quale ormai credo quasi tutti abbiano sentito parlare. Per prima cosa – ha continuato - evito di giudicare qualsiasi comportamento o commento che ho sentito in questi giorni (e ne ho letti di allucinanti), perché c'è un'indagine dei carabinieri in corso che è mio dovere rispettare e per la quale, per quanto mi è possibile, sto cercando di collaborare. Ma soprattutto perché chi mi conosce sa chi è Fede, con i suoi pregi e difetti. Tranquillo, semplice e trasparente come sempre, lontano anni luce da strane teorie o dai comportamenti che mi hanno attribuito”.

Federico si è poi detto cosciente di essere protagonista di un “caso davvero strano e particolare”. Allo stesso tempo, ha aggiunto, “è altrettanto evidente che il primo a voler sapere come siano andate le cose, il perché mi sia ritrovato a distanza di poche ore a passare dal divano di casa a una camera d'ospedale con entrambe le spalle fratturate e una frattura ad un osso del bacino... ecco, quello sono sono proprio io”. Concludendo, Federico si è detto consapevole che ci vorrà del tempo per recuperare una condizione di normalità, e ringraziando il personale dell'ospedale ha promesso che tornerà presto. “Un forte abbraccio. Per ora solo virtuale, però, di più non riesco”, ha concluso ironicamente.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano









Questo è un articolo pubblicato il 18-02-2019 alle 21:40 sul giornale del 19 febbraio 2019 - 6035 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, redazione, vivere fano, articolo, Simone Celli, Federico Carloni, ossa rotte

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4qp





logoEV
logoEV