SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
articolo

Cinque milioni di euro in quattro anni: come e quanto la Regione ha contribuito alle iniziative fanesi

1' di lettura
265

L’asse Ancona-Fano sembra funzionare. È quanto si evince dai numeri sviscerati dall’assessore regionale Boris Rapa, cifre che dimostrano quanto la Regione Marche abbia contribuito alle iniziative e agli interventi strutturali messi in campo dalla giunta Seri dal 2015 in poi. Finanziamenti per un totale di 5 milioni di euro. E non soltanto per cultura ed eventi.

Al netto della voce “sviluppo e valorizzazione” – 1,4 milioni di euro -, soltanto per la cultura da Ancona sono arrivati 455mila euro, mentre 528mila sono stati riservati alle iniziative turistiche. Di questi, 190mila euro li ha “assorbiti” il Carnevale, 34mila il Natale Più, 11mila la Notte dei Desideri di Torrette e 11mila la rediviva Fano dei Cesari. Ma – nonostante la vocazione turistica di Fano - una città non vive soltanto di eventi. Non è un caso se la Regione abbia elargito la bellezza di 2 milioni di euro per le nuove scogliere, 600mila per la pista ciclabile Fano-Senigallia e 200mila euro per il wi-fi gratuito nelle spiagge.

“Sin dall’inizio abbiamo giocato di squadra, e il merito è di questa amministrazione e della sua capacità di programmazione. Senza una progettualità tutto questo non sarebbe stato possibile”. Questo l’assist servito da Rapa al sindaco di Fano in occasione della presentazione dello spot dedicato alle Marche - e alla Città della Fortuna - che andrà in onda durante il Festival di Sanremo. Dal canto suo, Seri ha voluto sottolineare la capacità della sua giunta di intercettare quelle che sono le opportunità provenienti dall’esterno. Tra cui figurano, ovviamente, anche i finanziamenti regionali.





Questo è un articolo pubblicato il 05-02-2019 alle 15:40 sul giornale del 06 febbraio 2019 - 265 letture