Droga dai Balcani sul litorale fanese, arrestato in Albania l'ultimo componente della banda in azione nell'estate 2016

1' di lettura Fano 26/01/2019 - Implacabile l’attività della Polizia di Stato volta al contrasto del traffico internazionale di droga. Nell’estate del 2016 un’operazione congiunta delle Squadre Mobili di Ancona e Pesaro si era conclusa con il sequestro di due tonnellate di marijuana e l’arresto di 5 trafficanti albanesi che avevano scaricato la droga sul litorale fanese in prossimità della foce del fiume Metauro.

Durante le concitate fasi dell’operazione, approfittando dell’oscurità della notte, uno dei trafficanti era riuscito a dileguarsi facendo perdere le proprie tracce. Le investigazioni intraprese hanno consentito di identificare il fuggitivo nel 23enne albanese E. A. e di argomentare nei suoi confronti una dettagliata richiesta di emissione di un provvedimento restrittivo che é culminato in un'ordinanza di custodia cautelare da scontare in carcere, emessa dal GIP di Pesaro.

Il tempo trascorso non ha permesso all’albanese di sottrarsi alla giustizia italiana che, attraverso l’estensione delle ricerche in ambito internazionale, lo ha rintracciato in Albania, sottoponendolo alla misura restrittiva. Attualmente sono in corso le iniziative finalizzate alla sua estradizione in Italia, dove lo attenderà il processo che ha già visto condannati i suoi complici.






Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2019 alle 10:16 sul giornale del 28 gennaio 2019 - 1121 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3EL





logoEV