SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

Omiccioli: "Piano sanitario in anestesia totale per Fano e l'entroterra"

1' di lettura
377

sanità ospedale

Abbiamo studiato la bozza del nuovo Piano Sanitario Regionale e non potevamo credere ai nostri occhi: sono anni che i cittadini lo aspettano e le risposte alle tante domande che i territori come Fano e l’entroterra aspettavano sono state pari a zero.

Come un paziente in “anestesia totale” Ceriscioli non offre nessuna soluzione nuova rispetto alle problematiche territoriali. Di certezze ce ne sono, sicuramente: nella provincia di Pesaro nascerà un ospedale unico, ma non si sa il livello di prestazioni che offrirà e con quali specialistiche. Nessuna apertura alla riqualificazione degli ospedali dell’entroterra e dell’ospedale di Fano, che in questo modo, negli anni, verranno assorbiti dall’ospedale unico. C’è solo un generico impegno a riqualificare i servizi sanitari (cioè quelli delle visite, ambulatoriali e di degenza e riabilitazione) dell’entroterra.

Non c’è una riga sulla fantomatica clinica privata a Fano, per la quale oggi la maggioranza del consiglio comunale di Fano si è stracciata le vesti, pur di approvare una variante per farla costruire. A conferma del fatto che il famoso protocollo di intesa tra Ceriscioli e Seri è carta straccia. Ceriscioli dimostra ancora una volta un atteggiamento di finto ascolto e assoluta malafede nel rassicurare i cittadini fanesi e della provincia. Seri fa il pesce in barile e dimostra ancora una volta come manchi di saggezza politica, di coraggio e di pragmatismo (vi ricordate il “Chiaruccia o morte”?).

Abbiamo anche noi una certezza: è ora che questi politici insensibili ai bisogni dei loro cittadini se ne tornino a casa alle prossime elezioni. E per le comunali di Fano e le successive regionali, il tempo è prossimo



sanità ospedale

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2019 alle 19:10 sul giornale del 26 gennaio 2019 - 377 letture