Nauticoliver una piccola azienda che in piena crisi è riuscita a diventare una grande realtà della nautica

21/09/2018 - “All’inizio bussavamo alle porte dei cantieri e ci dicevano sempre di no. Ora il vento è cambiato e il lavoro per fortuna c’è”. A parlare è Ivan Bacchiocchi, socio fondatore, insieme ad Andrea Galli, della Nauticoliver di Bellocchi di Fano, un’azienda del settore della nautica che da un solo dipendente è arrivata ad averne 32 nel giro di pochi anni e che sta già pensando a nuove assunzioni.

“Una grande soddisfazione anche se un po' amara, perché penso a quante porte ci hanno chiuso in faccia all’inizio e a un po' di sconforto che in quegli anni di crisi ci aveva spinto a lasciare un’azienda per cui lavoravamo come dipendenti per iniziare questa nuova avventura”. E precisa: “Era il primo luglio del 2010 quando io e il mio socio abbiamo deciso di giocarci la carta del futuro in un settore che pure stava attraversando un periodo buio come pochi. Eppure abbiamo camminato in direzione ostinata e contraria, come diceva De Andrè. Avevamo pochissime risorse e soldi però una solida certezza: sapevamo che quello che avevamo pensato di fare serviva a questo settore e che noi lo avremmo saputo fare bene. E’ stata presunzione, ambizione, incoscienza? Non so forse un mix di tutte queste cose”.

E infatti oggi la Nauticoliver è una importante azienda nel settore della componentistica nautica. Nata come fucina di idee e realtà produttiva, vanta tra le sue fila le migliori maestranze e progettisti nell’ambito dei mega yacht. Nauticoliver progetta, realizza e installa accessori e componentistica in acciaio inox e alluminio per imbarcazioni da diporto, yachts, super luxury yacht. L’azienda realizza sia prodotti a catalogo di serie sia prodotti custom e automazioni. Tutto viene progettato e realizzato sulle specifiche delle imbarcazioni. “Nauticoliver, dice con orgoglio il segretario della CNA, Moreno Bordoni, è oggi quel che si definisce un “top competitor” indiscusso a livello internazionale”. “Ora sorridiamo ma è stata dura – ricorda ancora Bacchiocchi – all’inizio con i mutui da pagare e nemmeno una “vite” ordinata in quasi un anno di lavoro, abbiamo tentato il tutto per tutto per farci conoscere e accreditare. Un sacrificio enorme che però nel giro di poco tempo ci ha fatto guadagnare fiducia e rispetto anche perché la qualità dei nostri prodotti era - allora come oggi - altissima”. Ora per Nauticoliver è un buon periodo.

Arrivano commesse prestigiose e occorre concordare i tempi di consegna. “I nostri clienti sono i più prestigiosi costruttori di grandi yacht: Benetti; Rossinavi; Sanlorenzo yachts; Overmarine group; Perini Navi; Gruppo Baglietto; gruppo Ferretti e Cantieri delle Marche”. L’azienda di Galli e Bacchiocchi, che lavora per lo più su yacht da 40 metri in su e sui quali basa il suo core business, guarda tuttavia con interesse alla rinascita della nautica da diporto. “Ci sono realtà interessanti anche da noi Dl Yacht; Dominator; tanto per fare degli esempi”. Per numero di dipendenti e livello, ci sarebbero tutti i presupposti per fare il salto e diventare industria. “Ma noi – dicono con orgoglio Galli e Bacchiocchi - siamo degli artigiani prima ancora che un’industria. Non facciamo pezzi in serie, ma prodotti su misura, pensati, progettati e realizzati per ogni imbarcazione. Le nostre maestranze, gli operai, l’ufficio progettazione, la logistica sono in realtà degli abili artigiani che lavorano ad ogni commessa come fosse un’unica opera. Lavoriamo solo acciai e materie prime prodotte in Europa e riponiamo in ogni lavoro grande cura ed attenzione. Ora guardiamo con più serenità ed ottimismo al futuro, non dimenticando mai da dove siamo partiti. E soprattutto vogliamo mantenere i piedi ben saldi a terra e non ci piace vantarci. Umiltà e concretezza fanno parte del nostro Dna”.

“Quella di Andrea e Ivan - conclude il segretario della CNA, Moreno Bordoni - è una bella storia di successo che dimostra come passione, professionalità, competenze e tenacia possano portare grandi risultati. Oggi Nauticoliver è una case history entusiasmante. L’esempio che da un sogno può nascere una grande realtà capace di dare benessere, lavoro e progresso a tutto un territorio”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2018 alle 00:12 sul giornale del 22 settembre 2018 - 1519 letture

In questo articolo si parla di attualità, cna pesaro e urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYDd





logoEV