Il fondatore della biblioteca messo a nudo: Filippo Tranquilli porta in scena l’abate Federici

2' di lettura Fano 30/07/2018 - È stato lontano dai palcoscenici per cause di forza maggiore, ma ora è pronto a tornare. Lui è Filippo Tranquilli, nome noto ai fanesi in quanto raffinato e ironico narratore di grandi personaggi, in primis di quelli che hanno fatto la storia della città. Martedì 31 luglio toccherà a Domenico Federici. L’abate è nato a Bargni, ma per Fano ha fatto tanto. Ha fondato la Biblioteca Federiciana, ad esempio. E non è poco. Appuntamento alle 21 30 proprio nel cortile del luogo da lui creato, poi ci si sposterà nella chiesa di San Pietro in Valle anche per ascoltare l’organo suonato da Claudio Morosi. Il titolo dello spettacolo è “Il cortile dell’alchimia”.

Tranquilli ha deciso di tornare indietro nel tempo, fino a quello che ha definito il secolo più straordinario: il 1600. Con questa messinscena, l’attore intende raccontare la vita e le imprese di Federici. Sullo sfondo – ma non troppo – i grandi misteri dell’alchimia. L’abate non era soltanto un religioso, ma anche un letterato, un artista e tanto altro ancora. Tranquilli ha messo la sua vita sotto la lente d’ingrandimento. “Studio le persone e le ripropongo a mo’ di fiaba, in chiave immaginifica”, ha detto l’attore, pronto a tornare in scena dopo qualche problema di salute. “Ci mancano i colori dei tuoi cappelli”, gli ha confidato qualcuno di recente. Ed eccolo di nuovo in pista, ma con un rammarico: non aver proposto quest’anno il suo spettacolo su Van Gogh. Ci tiene tantissimo. Nel 2019 ne potremo sicuramente godere.

Tornando al presente – anzi, al 1600 di Federici -, si ricorda che “in sala” non saranno graditi smartphone né candele. Da un lato si cerca di preservare la giusta atmosfera, dall’altro la sicurezza viene prima di tutto. A proposito di atmosfera, le signore sono invitate a indossare drappi e accessori d’oro oppure d’argento. Lo spettacolo è organizzato da Zarri Comunicazione, con il patrocinio e il contributo dell’assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Fano.






Questo è un articolo pubblicato il 30-07-2018 alle 23:59 sul giornale del 31 luglio 2018 - 608 letture

In questo articolo si parla di musica, teatro, fano, redazione, spettacoli, biblioteca federiciana, domenico federici, articolo, Simone Celli, filippo tranquilli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aW8r





logoEV
logoEV