Auto usate: come venderle nel 2018?

3' di lettura Fano 12/07/2018 - Gli anni passano, e con essi tante cose cambiano. Come le nostre abitudini per quanto riguarda l’utilizzo della rete che ci aiuta, ormai, a fare tutto in maniera semplice e veloci.

Internet ed i vari dispositivi ci consentono di avere tutto a portata di mano, e di click, in pochi istante. Basti pensare alla semplicità con la quale si possono cercare ricette su internet, inserendo semplicemente la parola chiave in uno dei motori di ricerca. In pochi secondi avremo accesso alle migliori ricette tra le quali scegliere quella che più ci aggrada.

La velocità, dunque, come punto cardine di questa nuova era digitale. Ed in questo scenario sono cambiate tutte le nostre abitudini, anche quelle che davamo per scontato. Come, ad esempio, vendere la propria auto usata sul web contattando esperti come Soluzione Auto.

Nel 2018, dunque, l’auto usata si vende sul web in maniera semplice, vantaggiosa e veloce. Il primo passo da fare per vendere la propria vettura usata sul web è quello di scegliere il portale dedicato di compro auto usate tramite il quale effettuare l’operazione.

Scelto il portale, inserendo i dati della propria vettura si riceverà nel giro di poche ore una prima valutazione della vettura in questione. Il tutto arriverà tramite mail e senza impegno per l’utente. Questo è solo il primo passaggio, dopo di che è possibile fissare un incontro presso la sede più vicina del compro auto. In questo frangente si avrà a che fare con periti esperti che potranno visionare la vettura e presentare una ulteriore offerta di acquisto.

In questo modo ci si può liberare della propria vettura usata, una volta accettata l’offerta, nel giro di poche ore, intascando il giusto corrispettivo di denaro pattuito con l’agenzia e senza sbrigare alcuna pratica burocratica di rito. Un’opzione molto amata proprio per la sua velocità e per la semplicità con la quale il tutto si svolge.

Ma per difendersi da brutte sorprese on line, ecco un decalogo che vale la pena tenere sempre a mente. Per chi vende Chi vende, non deve accettare normali assegni bancari perché potrebbero risultare scoperti al momento della messa all’incasso: chiedere sempre l’assegno circolare.

La consegna dell’auto deve avvenire solo dopo il pagamento: questo significa che non basta ricevere un assegno ma occorre avere la comunicazione, da parte della banca, che sia coperto. Quindi, prima di effettuare il passaggio di proprietà, è opportuno controllare facendo una telefonata alla banca che chiarirà se sul conto collegato all’assegno circolare c’è il denaro necessario. Un caso diverso si verifica quando l’acquirente decide di acquistare utilizzando un assegno bancario ma afferma di aver bisogno di liquidità. In questa situazione potrebbe proporre un titolo di credito con un importo maggiore del dovuto e chiedere la differenza in contanti. È facile comprendere cosa può accadere nel caso l’assegno sia falso o scoperto: il truffatore se ne andrà con l’auto e con i soldi del venditore.






Questo è un articolo pubblicato il 12-07-2018 alle 08:33 sul giornale del 12 luglio 2018 - 159 letture

In questo articolo si parla di economia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aWwa





logoEV
logoEV