Non solo bighe: Fano dei Cesari, ecco il programma ufficiale

fano dei cesari 2018 7' di lettura Fano 29/06/2018 - Sette anni fa avevamo tutti appeso la toga al chiodo. La Fano dei Cesari era stata messa in archivio, e da quel momento il turismo estivo locale ha sempre sofferto la sua mancanza, nonostante i tanti tentativi di metterci una pezza. Ma ora basta. La Città della Fortuna sta per travestirsi di nuovo da romana, con un programma denso e lungo una settimana. Ed è già ora del conto alla rovescia.

Tanti gli appuntamenti in cartellone dal 9 al 15 luglio. Lo scopo sarà quello di far festa, ma anche di omaggiare la nostra storia e di farla conoscere anche ai turisti. A questo servono i tanti eventi a cavallo tra spettacolo e cultura. A organizzarli un team ricco e variegato, un po’ come il programma. La nuova edizione di Fanum Fortunae – La Fano dei Cesari – questo il nome integrale della manifestazione – è il frutto della sinergia tra Comune di Fano e Proloco locale, in collaborazione con la Colonia Iulia Fanestris, Simmachia Ellenon e il comitato Genitori di Sant’Orso. Da sottolineare anche il supporto della Regione Marche.

Tutto comincerà alle 21 di lunedì 9 luglio, quando in zona Pincio si potrà assistere al rito di accensione dei bracieri. Sarà questo – per dirlo in termini sportivi – il calcio d’inizio dell’evento. Alle 21 30 spazio alla cultura con la conferenza animata “Miglio dopo miglio… quattro passi lungo la via Flaminia”, a cura del professor Luciano De Santis e del gruppo storico Colonia Iulia Fanestris. Martedì 10 luglio ci sarà subito uno stop per la festa del patrono di Fano. Poi, mercoledi 11, già dalle 8 del mattino si potrà passeggiare tra le bancarelle del mercato cittadino, allestito a tema romano dai commercianti ambulanti. Il Centro Studi Vitruviani - alle 21 15 nella sala San Michele - condurrà la Serata Vitruviana, durante la quale si discuterà con il professor Oscar Mei dell’università di Urbino e si assisterà alla lettura scenica del De Architectura a cura di Eutopia.

Giovedì 12 - alle 18 - l’apertura degli accampamenti nella zona Pincio, grazie ai gruppi Soudales Ocricolum e Simmachia Ellenon, che svolgeranno una serie di attività aperte al pubblico come il tiro con l’arco, il lancio del giavellotto, la dimostrazione di agrimensura e altro insieme ad artigiani storici. Un’antica Domus romana e il Macellum prenderanno forma all’interno di Palazzo San Michele e in via Martino da Fano, grazie al gruppo rievocativo Colonia Iulia Fanestris che - insieme alla Legio VIIII Augusta ai Gladiatori Ludus Picenus e ai Teuta Senones Pisaurenses - metteranno in scena anche alcuni spettacoli suggestivi. Sempre al Pincio prenderà vita il Thermopolium, stand gastronomici con pietanze dell’epoca aperti fino a domenica. Il giovedì sarà anche il momento più atteso dai giovanissimi. “La Fano dei Cesarini” partirà sempre alle 18 in Piazza XX Settembre, con la sfilata dei bambini delle quattro fazioni che attraverseranno il centro fino ad arrivare al Pincio. La giornata continuerà all’insegna della didattica, degli spettacoli e delle sfide tra le fazioni, fino al momento clou delle 20 15: la Corsa delle Bighette, che vedrà coinvolti genitori e figli. Alle 20 l’apertura degli stand gastronomici e alle 21 la “Cena con Apicio”. In attesa delle 22, per le premiazioni e per il suggestivo spettacolo di fuoco a cura dell’Accademia dello Spettacolo.

Il venerdì la romanità sarà ancora più palpabile, grazie all’arrivo in città di altri accampamenti. La zona dei Giardini Amiani verrà “conquistata” dalla Legio I Italica e dalla Legio X, mentre i Giardini Leopardi saranno di proprietà della Centuria Picena, Legio XVI Flavia, Legio I Minervia e Legio Malasortis. Il villaggio Celta dei Teuta Torc Na Moire sorgerà invece nei pressi della Porta Romana. Con la città ormai “assediata”, ci si sposterà nuovamente nella zona del Pincio, trasformata in un’arena per i Ludi Fortunae. Alle 18 30 l’area somiglierà a un piccolo Colosseo. Qui i ragazzi delle fazioni si sfideranno in antiche discipline sportive. Gli atleti competeranno nell’Harpastum - attività atletica simile all’attuale rugby -, nel Trigon - antenato dell’odierna pallavolo -, nello Stadium - una sorta di corsa individuale nei 100 metri -, nel “Lancio della Fortuna” - una specie di lancio del peso -, nel Pugilatus - che vedrà protagonisti gli atleti dell’Audax Boxe Club Metauro – e, infine, nel Ratto delle Sabine, una competizione che vedrà i partecipanti trasportare giovani fanciulle da un lato all’altro del percorso. Terminate le fatiche degli atleti ci sarà il tempo per rifocillarsi presso gli stand gastronomici, e per arrivare pronti al “Volto di Ottavia”, particolare caccia al tesoro che coinvolgerà tutta la città a partire dalle 21 30. Nello stesso momento, al Pincio, verrà celebrata la bellezza ai tempi dell’antica Roma con Miss Fanum Fortunae, il concorso a cura di Pink Eventi che decreterà la più bella della manifestazione e anche le quattro ragazze che sfileranno in testa alle fazioni durante la grande parata storica della domenica. In serata anche altri due appuntamenti ludici: alle 20 30 la cena con delitto “Il Mistero di Vitruvio” all’osteria il Chiostro - a cura di Zarri Comunicazione e con la direzione artistica di Giovanni Tomasetta -, mentre alle 22 si ballerà alla Rocca Malatestiana con “Una Notte da Gladiatori” a cura di Love Generation.

Sabato il centro storico sarà completamente invaso dai romani, dai greci e dai celti. Passeggiando ci si potrà imbattere in ronde, battaglie, riti civili, scorte e tanto altro. In zona Pincio - e nei vari accampamenti dislocati per la città - ci saranno laboratori e spettacoli didattici per rivivere l’antica Fanum Fortunae. Alle 19 via agli scontri tra le fazioni - il Cinghiale, il Delfino, il Lupo e la Volpe -, che porteranno in scena alcuni spettacoli artistici di fronte all’Arco d’Augusto. Questa gara – insieme alla Fano dei Cesarini e ai Ludi Fortunae dei ragazzi - decreterà il primo vincitore dei giochi dell’edizione 2018. Sempre durante la serata di sabato, in tutta la città – mare compreso - calerà La Notte degli Dei, un’esplosione di eventi a tema romano che coinvolgerà locali, attività commerciali e stabilimenti balneari. Banchetti e celebrazioni si svolgeranno anche al Pincio durante Bacchanalia, la festa delle fazioni in costume con cena, musica e tanto divertimento, aperta a chiunque voglia partecipare e festeggiare. Dopo i combattimenti dei gladiatori delle 21 30 sotto l’Arco d’Augusto, andrà in scena uno dei momenti topici della manifestazione: l’abbinamento dell’auriga alle bighe per ciascuna fazione. Alle 23, sempre al Pincio, anche lo spettacolo “Tra rito e mito: i fuochi sacri”, a cura della Colonia Iulia Fanestris.

La grande festa del sabato farà da preludio alla giornata clou. L’ultima, ma anche la più importante. Il nome in codice degli appuntamenti di domenica 15 luglio – non a caso – sarà Pompa Magna. Dopo la classica apertura degli accampamenti, alle 19 45 avrà inizio la Cena dei Gladiatori, che avrà luogo sulla terrazza panoramica del Bastione del Nuti. Alle 20 andrà in scena una sfilata da record con tutti i gruppi storici. Partiranno da via delle Rimembranze, mentre le fazioni da via Cavour. I due gruppi si uniranno su Corso Matteotti, creando un corteo che si preannuncia molto partecipato e che marcerà fino al Pincio. Verso le 21 30 il momento più atteso: la Corsa delle Bighe. Le aurighe delle quattro fazioni si contenderanno il titolo di Fanum Fortunae – La Fano dei Cesari 2018.

Per consultare il programma completo dell’evento è possibile visitare il sito www.fanumfortunae.eu.








Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2018 alle 16:29 sul giornale del 30 giugno 2018 - 5442 letture

In questo articolo si parla di cultura, attualità, fano, redazione, spettacoli, Fano dei cesari, eventi, fanum fortunae, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aV8X





logoEV
logoEV