Passaggi Festival, la cultura scende in piazza: dal 27 giugno show, laboratori e grandi ospiti

passaggi festival 2018 ospiti 6' di lettura Fano 25/06/2018 - Tutto pronto per la grande festa della saggistica. Gli organizzatori stanno stringendo gli ultimi bulloni, oliando gli ultimi ingranaggi, perché è quasi ora dell’atteso esordio di Passaggi Festival 2018. Un evento che supera di gran lunga i confini fanesi, con il suo richiamo di livello nazionale grazie ai grandi ospiti, alle presentazioni di libri e a un ricco programma che – dal 27 giugno al 1° luglio – trasformerà la Città della Fortuna in uno dei principali palcoscenici della cultura italiana.

Si tratta della sesta edizione del festival ideato e diretto da Giovanni Belfiori, presieduto da Cesare Carnaroli e organizzato dall’associazione Passaggi Cultura e da Librerie Coop con il contributo del Comune di Fano e della Regione Marche. Quest’anno gli eventi raddoppiano, nonostante il budget a disposizione sia ridotto rispetto al solito. Lo slogan? “Libri vista mare”, a dimostrazione di come la kermesse invaderà tutta la città, nonché della forte vocazione turistica del progetto.

Non solo libri – inevitabili protagonisti di Passaggi Festival -, ma anche mostre, spettacoli e laboratori. Tra gli eventi anche “Punctum Donna”, l’esposizione fotografica di Letizia Battaglia, talento palermitano che sarà presente all'inaugurazione della mostra a lei dedicata. Letizia è una fotoreporter, e il New York Times l’ha inserita nella classifica delle undici donne più rilevanti del 2017. Tra gli altri appuntamenti anche gli “aperitivi scientifici” in compagnia del rettore e delle scienziate dell’università di Camerino, le letture “Ad alta voce” di Rai Radio 3 e gli “Spettacoli del silenzio” alla Corte Malatestiana. Alla MeMo corti e docufilm, poi concerti di musica indie con Radio Coop al Bastione Sangallo e al Lido, senza dimenticare le visite guidate. Infine, trentotto corsi e laboratori sparsi tra mare e centro storico, pensati per grandi e piccini e rigorosamente gratuiti (ma è obbligatoria la prenotazione sul sito di Passaggi).

A rendere grande il festival, oramai, è il fatto che molti autori lo scelgano per inaugurare il loro tour di presentazioni. Passaggi avrà infatti l’onore di essere il primo palcoscenico in assoluto per il nuovo libro di Marino Bartoletti. Sarà lui a inaugurare il palco centrale con il suo "BarToletti. Così ho digerito Facebook". Lo stesso vale per Andrea Coffari, autore di “Rompere il silenzio”. Anteprima anche per la lettura ad alta voce de “L’iguana” di Anna Maria Ortese: il brano, recitato dall’attrice Monica Demuru, verrà poi letto in versione integrale su Rai Radio 3, ma non prima del prossimo luglio. Esordio assoluto anche per la mostra dedicata ad Andrea Barbato, progetto di Passaggi in collaborazione con Rai Teche e con la famiglia Barbato: in mostra una trentina di scatti - quasi tutti inediti - della vita familiare e lavorativa del grande giornalista italiano.

Fitto programma e grandi libri, persino in anteprima. Ma la rilevanza nazionale del festival dipende soprattutto dal prestigio dei suoi ospiti. Tra loro autori, grandi penne della carta stampata e volti noti della tv. In primis di quella culturale. Sei le rassegne librarie dislocate in quattro sedi del centro storico: dai “Grandi autori” ai “Piccoli asSaggi” per i ragazzi, dalla poesia di “Passaggi DiVersi” – tra gli altri ci saranno anche Vivian Lamarque e Rosaria Lo Russo - ai graphic novel di “Passaggi fra le Nuvole” con i pluripremiati Maicol&Mirco, Silvia Rocchi e Francesco Cattani. Molto attesi anche gli appuntamenti con “Passaggi con Catena”, mini-rassegna così chiamata perché presentata da Catena Fiorello – sorella di Rosario, noto showman, e di Beppe, stimato attore di fiction e non solo - che converserà con Elena Mora, Paola Maugieri e Claudia Zanella. Poi i libri di “Passaggi di Benessere”: tra gli appuntamenti anche quello con Erika Maderna che presenterà la medicina delle streghe.

Al netto delle rassegne, la parte del leone la faranno senz’altro gli incontri in programma sul palco centrale di Piazza XX Settembre. Si comincia mercoledì 27 - alle 20 45 - con l'inaugurazione e, subito dopo, con la conversazione tra Marino Bartoletti, Michele Torpedine e Marco Viroli. Giovedì 28 - dalle 19 - Antonia Klugmann sarà intervistata da Alessandra Longo e Alfredo Antonaros, poi Attilio Bolzoni presenterà il suo libro “Imperi criminali” insieme a Letizia Battaglia, Adriano Turrini e Giorgio Santelli. Chiuderà la serata il libro sull'immigrazione di Stefano Allievi, sul palco con l’ex ministro degli interni Marco Minniti, il direttore di Rai Radio 3 Marino Sinibaldi e Alessandra Longo. Venerdì 29 si tornerà in piazza con Nando dalla Chiesa e il suo “Per fortuna faccio il prof”. Con lui anche Moni Ovadia e Simonetta Fiori. A seguire il libro sulle donne all'epoca di Trump, con l’autrice e giornalista Tiziana Ferrario intervistata da Catena Fiorello, mentre il filosofo Massimo Cacciari sarà intervistato da Pietro Del Soldà. Ultima presentazione della giornata – dalle 23 – insieme a Maria Rita Parsi e il suo “Generazione H”, e con Andrea Coffari autore di “Rompere il silenzio”. Entrambi saranno intervistati da Maria Novella De Luca.

Sabato 30 l’assegnazione del primo dei due premi ideati dal festival. Piero Angela salirà sul palco - con Marino Sinibaldi e Silio Bozzi della polizia di Stato - per ritirare il premio Andrea Barbato, patrocinato dall’Ordine dei giornalisti. A seguire il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio con “B. come basta”, il direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana – con il libro “Un Paese senza Leader” – che converserà con Alessandra Sardoni e Nicola Morra, parlamentare del Movimento 5 Stelle. La serata di sabato finirà con l’appuntamento delle 23: Alan Friedman, sul palco con Lorenzo Salvia e Nicola Lacetera, presenterà il suo nuovo libro sull’economia. L’ultima giornata – quella di domenica 1° luglio - si aprirà alle ore 19 con Mario Giordano e il suo “Avvoltoi”, intervistato da Lorenzo Salvia. Poi sarà la volta di Mario Capanna con “Noi tutti”, sul palco con una delle “ragazze del '68” Andreina De Tomassi, intervistato dal direttore di Rainews24 Antonio Di Bella. Infine la consegna del premio Passaggi 2018 a Liliana Segre, che presenterà il suo libro “La memoria rende liberi” e che sarà intervistata da Bianca Berlinguer. Storico l’incontro che avverrà poco prima dell’assegnazione del premio, proprio tra la Segre e Inela Nogic - Miss Sarajevo 1993 –, a ottant’anni dalla proclamazione delle leggi razziali che portarono la senatrice alla deportazione e venticinque anni dopo quel drammatico concorso di bellezza che ispirò gli U2. Da quell’episodio è nata, infatti, la canzone “Miss Sarajevo”.








Questo è un articolo pubblicato il 25-06-2018 alle 18:47 sul giornale del 26 giugno 2018 - 1580 letture

In questo articolo si parla di libri, cultura, fotografia, fano, redazione, mostre, giornalismo, marco travaglio, piero angela, passaggi festival, articolo, saggistica, Simone Celli, marino bartoletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aVYT





logoEV
logoEV