Incendio Fano TV, prosciolti tutti gli imputati

Giudice, tribunale, giustizia 1' di lettura Fano 24/06/2018 - E' finito con il non luogo a procedere per tutti gli imputati il procedimento penale per l'incendio appiccato alla sede di Fano Tv il 23 marzo 2017.

Un uomo col volto coperto, ripreso dalle telecamere di sorveglianza, aveva gettato della benzina all'ingresso dell'emittente televisiva, dandole poi fuoco. Fortunatamente le fiamme avevano bruciato solo lo zerbino.

Secondo la procura si tratterebbe di un caso di vendetta a sfondo passionale per una storia finita male tra un giornalista di Fano Tv e Antonella Zaccarelli, moglie del presidente della camera di commercio di Pesaro Alberto Drudi.

Il pm Silvia Cecchi aveva chiesto il rinvio a giudizio per la donna, presunta mandante dell'incendio, il presunto esecutore materiale Fabio Di Lucera, operaio di Montecchio, e la comune amica Giorgia Lepore che li aveva messi in contatto.

Il reato contestato era stato derubricato da incendio doloso a danneggiamento semplice. Il gip ha invece ritenuto che non ci fossero elementi di prova per sostenere il processo. La Zaccarelli era accusata anche di stalking ma la querela è stata ritirata.






Questo è un articolo pubblicato il 24-06-2018 alle 11:52 sul giornale del 25 giugno 2018 - 529 letture

In questo articolo si parla di cronaca, incendio, fano tv, danneggiamento, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aVV3





logoEV
logoEV