Grizzly, FDI: "Indignati per le minacce al M5S. Il sindaco e Mascarin non nascondano la testa nella sabbia"

grizzly 4' di lettura Fano 18/06/2018 - La prima cosa che vogliamo esprimere a nome di Fratelli d’Italia è la solidarietà verso gli esponenti politici dei Cinque Stelle di Fano che hanno subito pesanti minacce.

Sembra che la provenienza delle minacce, già oggetto di una denuncia presso la Polizia di Stato che indagherà celermente, sia riconducibile ai componenti del centro sociale Grizzly. Il fatto è ancora più grave.

Ovviamente non ci stupiamo più di nulla perché già mesi fa avevamo scritto che il Sindaco Seri ed l’Assessore Mascarin, che avevamo ironicamente definito Assessore alla pseudo legailtà proprio per fatti del Grizzly, davanti alla occupazione abusiva ed alle attività illecite degli orsetti facevano come gli struzzi che nascondono la testa sotto la sabbia. Eravamo sicuri, come lo siamo oggi, che se quelle azioni fossero state compiute da simpatizzanti di destra il baldo Mascarin avrebbe movimentato le forze antifasciste di tutto il Centro Italia. Invece con gli occupanti del Grizzly che non hanno mai nascosto l’attività politica di sinistra è sempre stato steso un bel tappetto rosso. Infatti ciò che più disturba dell’occupazione abusiva del Grizzly, poi condonata dalla sentenza del Tribunale di Pesaro, e del silenzio assordante di questa Amministrazione Comunale di (per poco ancora) Centro Sinistra, è la palese appartenenza politica ben precisa e con attività di promozione ideologica che non lasciano molti dubbi e che forse chiariscono la enorme tolleranza della maggioranza fanese.

In questi ormai quattro anni abbiamo assistito a cose incredibili ed inspiegabili per lo stato di diritto: attività di ogni genere dalla vendita di generi ortofrutticoli, eventi anche musicali, manifestazioni in centro città, volantinaggio ed affissioni senza permessi. Nonostante le tante segnalazioni non ci risultano interventi da parte delle autorità comunali. Non occorre poi dimenticare le aggressioni politiche perpetrare degli attivisti del Grizzly verso i politici di centro destra, non da ultimo il grave episodio del 25 aprile quando L’On Luca Paolini è stato attaccato pubblicamente, sfiorando il contatto fisico, da un gruppo dei facinorosi che sembravano avere le sembianze degli orsetti. Gli amministratori pubblici erano presenti ma non abbiamo visto le loro dichiarazioni contro questi facinorosi ed a sostengo dell’On. Paolini.

Ora scaduto il termine dell’occupazione, regolarizzata dal comune, nessuno interviene per liberare la casa del custode che tra l’altro non può essere assegnata ad un gruppo che ormai è chiaro fa politica ma deve essere assegnata con un bando ben preciso al quale devono partecipare le associazioni della città per lo scopo a cui è destinato il locale. La cosa ancora più curiosa è che l’Assessore Cecchetelli in una udienza del consiglio comunale , qualche tempo fa, disse che il Comune si sarebbe mosso per trovare un nuovo locale da assegnare al centro sociale e quindi liberare la casa del custode. La Cecchetelli con tono perentorio aveva assicurato al massimo entro Natale del 2017 ma forse aspetteranno le elezioni del prossimo anno prima di infastidire il dolce letargo degli orsetti.

Invitiamo il Sindaco e l’Assessore Cecchetelli a cercare dei locali anche per TUTTE le altre associazioni di solidarietà e volontariato che al posto di fare politica di sinistra offrono servizi importanti in città e faticano a trovare persino una stanza. La delibera con cui l’Amministrazione comunale ha assegnato la casa al centro autogestito Grizzly è scaduta il 31 dicembre 2017! Da allora, la Casa del Custode, è tornata ad essere occupata abusivamente. Come mai il prode paladino Mascarin non si indigna, non organizza marce di protesta o sit in contro l’illegalità? Se l’occupazione fosse stata fatta da altre associazioni politiche alternative alla sinistra l’Amministrazione avrebbe già inviato da anni la lettera di sfratto con un termine esecutivo perché come stabilisce il regolamento le associazioni che fanno politica come il Grizzly non possono avere spazi pubblici.

E se fossero confermate le minacce di morte ai Cinque Stelle cosa faranno Seri, Mascarin e Cecchetelli? Faranno ancora finta di niente? Nasconderanno la testa sotto la sabbia come gli struzzi? Crediamo proprio di si ma presto si sveglieranno e si accorgeranno che il centro sinistra ha perso il governo della città cosi come hanno perso il governo politico dell’Italia ed allora si che potrà tornare la legalità per tutti che non ha due pesi e due misure, colori politici o simpatie elettorali.


da Stefano Pollegioni
Coordinatore Direttivo  FDI/AN - Segreteria Fano

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-06-2018 alle 15:24 sul giornale del 19 giugno 2018 - 1552 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, Stefano Pollegioni, grizzly

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aVIK





logoEV
logoEV