Servizi sociali e Caritas Diocesana, uniti per aiutare i più deboli grazie al Protocollo delle Buone Prassi

1' di lettura Fano 07/06/2018 - Una comunione d’intenti e – soprattutto – di strumenti. L’obiettivo? Aiutare le fasce più deboli. Sempre di più, e sempre meglio. Grazie al Protocollo delle Buone Prassi, i servizi sociali del Comune di Fano e la fondazione Caritas Diocesana uniscono le rispettive risorse per creare una rete d’aiuto sempre più efficace.

Si avvia così un vero e proprio lavoro di squadra che collega pubblico e privato, per aiutare i nuovi poveri e non solo. La parola d’ordine è “sinergia”, e come spesso accade in questi casi tutto comincia dalla conoscenza. Da una più efficace gestione delle informazioni. Ed ecco la prima novità del protocollo: la scheda dati condivisa, per consentire ai professionisti dei servizi sociali e a quelli della Caritas Diocesana di avere sempre a portata di mano le informazioni delle persone che stanno chiedendo aiuto.

L’intento - quello reale - è restituire al cittadino in difficoltà la sua autonomia, in primis quella economica. Per questo la strada maestra scelta da Comune e Caritas non è di certo quella di limitarsi a regalare denaro ai bisognosi. Sarebbe un gesto fine a se stesso. L’aiuto passa attraverso l’attuazione di un percorso di rinascita umana e sociale, verso cui le persone in difficoltà devono essere accompagnate fino a quando non sono in grado di uscire con le loro forze dalla situazione di disagio in cui si trovano.








Questo è un articolo pubblicato il 07-06-2018 alle 09:00 sul giornale del 08 giugno 2018 - 247 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, redazione, servizi sociali, Caritas Diocesana, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aVmF





logoEV
logoEV