Sanità e nuova piscina, Fano Città Ideale: "Ecco la propaganda pre-elettorale del sindaco Seri"

ospedale generico 3' di lettura Fano 02/06/2018 - Mancano pochi giorni alla firma del Protocollo d’Intesa sulla Sanità, ma noi di Fano Città Ideale intendiamo tornare ancora sul tema per rimarcare le nostre perplessità sull’intera questione e per rinnovare al nostro Sindaco l’invito a non firmare quel contratto-capestro per la nostra città.

L’ostinazione con cui il Sindaco Seri continua ad esaltare il Protocollo d’intesa e a proclamare vantaggi che solo lui vede, così come la fretta con cui si accinge a firmare lo stesso Protocollo prima ancora che venga deliberato dalla Giunta Regionale con la fondamentale aggiunta di Chirurgia h24, ci risultano quanto meno sospette.
Innanzitutto per la superficialità con cui è stato sciolto il nodo della “dimenticanza” del riferimento al reparto di chirurgia nel documento di accordo Comune-Regione, atteggiamento che al lettore poco attento potrebbe risultare sintomatico dell’incompetenza o della inaffidabilità di chi ha trattato la questione; ma i relatori di quel documento sono tutto tranne che incompetenti.

L’ipotesi più ragionevole che possa spiegare sia le correzioni frettolosamente aggiunte “in postilla” sia tutta questa fretta a firmare, è che il Protocollo Sanità sia in realtà un collo d’imbuto che sta attualmente frenando un’altra operazione, quella del progetto Piscina-GimarraAlta-RSA Don Tonucci , su cui convergono non solo gli ingenti interessi economici del Fondo Cives ma anche gli interessi politici dell’attuale maggioranza, che considera strategica la costruzione della nuova piscina entro i prossimi mesi per chiari motivi di consenso elettorale. Una ipotesi che lascia aperta una seconda interpretazione: il Protocollo Sanità, in realtà, altro non è se non il grimaldello con cui i partiti di maggioranza forzano l’avvio del progetto “Fondo Cives” e degli interessi economici annessi. E non ci piacerebbe scoprire che la rincorsa a firmare è semplicemente frutto di indebite pressioni esterne.

Il destino del nostro Ospedale diventa quindi di secondaria importanza rispetto ad altre operazioni che stanno diventando il fulcro dell’azione di governo di questa maggioranza nell’ultimo anno del suo mandato; al sindaco Seri non sarà sicuramente sfuggito il fatto che i tempi di costruzione del nuovo Ospedale di Pesaro (detto erroneamente Ospedale Unico) rimandano il problema della riorganizzazione dell’Ospedale di Fano ad un tempo futuro così lontano da non riguardare più direttamente il suo mandato; al contrario, la sua maggioranza ha assoluta necessità di ripresentarsi all’elettorato con qualche successo da sbandierare (come la nuova piscina) , costi quel che costi. Noi di Fano Città Ideale continuiamo a sostenere che l’orizzonte temporale dell’azione di governo di una amministrazione, qualunque essa sia, non può limitarsi alla fine naturale del suo mandato; chi governa una città deve essere in grado di costruire strategie e progetti che contemplino prospettive più ampie sia in senso temporale che politico.

Al contrario, le vicende di questi ultimi anni ci descrivono una programmaticità asfittica e a corto raggio, una città asservita alle strategie di potere del PD, dove l’azione politica è troppo spesso falsata da logiche affaristiche o da interessi privati che hanno solo ricadute negative sugli interessi della collettività. Decisioni strategiche prese da pochi in nome di tutti, senza condivisione né trasparenza; rulli compressori che aprono la strada agli interessi di un PD provinciale e regionale e dei loro sodali economici, capaci di passare con indifferenza sopra la testa di chiunque, travolgendo tutto e tutti con l’unico scopo di costruire favori e appoggi in chiave preelettorale.

Con rammarico dobbiamo riconoscere che la frase “tanto noi facciamo come vogliamo”, quell’espressione involontaria di sincerità fuori controllo, sia in realtà il vero e unico motivo ispiratore di questa maggioranza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-06-2018 alle 14:57 sul giornale del 04 giugno 2018 - 917 letture

In questo articolo si parla di sanità, fano, ospedale, politica, redazione, piscina, ospedale unico, fano città ideale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aVcK





logoEV
logoEV