SEI IN > VIVERE FANO > CRONACA
articolo

Avevano massacrato un connazionale, arrestati tre albanesi a Fano. Un poliziotto è finito al pronto soccorso

2' di lettura
1732

polizia 113

Un uomo in fin di vita, fuori da un bar di Punta Marina Terme, dalle parti di Ravenna. Se ne stava lì a terra, in un bagno di sangue. A ridurlo così a suon di coltellate all’addome, circa due mesi fa, erano stati tre albanesi – suoi connazionali -, un uomo e una donna. Ora il trio è stato arrestato in due tempi grazie a un’operazione congiunta tra polizia di Stato e carabinieri. Per prenderli c’è voluta anche una colluttazione. Uno degli agenti è finito al pronto soccorso.

È il risultato di una lunga indagine. Dopo aver ridotto in quello stato il 57enne albanese, i tre avevano fatto perdere le loro tracce. Ma i carabinieri del comando provinciale di Ravenna, in sinergia con i carabinieri e la polizia del commissariato di Fano, sono riusciti a fermare definitivamente il trio. Il primo step, compiuto proprio dai militari ravennati, è stato quello di allertare i colleghi fanesi segnalando la presenza dei tre sul nostro territorio. Poi, martedì scorso, sono stati “sorpresi” a Calcinelli. Due sono subito stati catturati, mentre il terzo è riuscito a scappare.

Ma la fuga di Emilian Bici, 39enne, non è durata più di tanto. L’uomo, già noto per alcuni furti in appartamento eseguiti proprio nella Città della Fortuna, è stato avvistato durante la mattinata di giovedì 30 in via Mameli, dalle parti dello studio medico Gamma. Probabilmente si voleva nascondere a casa di una parente. Una volta salito su una Fiat Panda rubata, è stato pedinato e poi braccato lungo la strada pergolese, nei pressi di San Michele al Fiume.

Niente resa, niente manette istantanee. Bici ha abbandonato la vettura e ha tentato di scappare ancora, ma è poi stato bloccato da un poliziotto che lo stava inseguendo. Fine della corsa, ma non della vicenda. L’albanese ha infatti dato inizio a una colluttazione con l’agente, che ne è uscito con cinque giorni di prognosi. Per arrestarlo c’è voluto l’intervento dei carabinieri e di altri poliziotti. La posizione del 39enne si è dunque aggravata. Oltre che per il tentato omicidio di gennaio, dovrà rispondere per resistenza e lesioni e pubblico ufficiale, per guida senza patente e, in aggiunta, per irregolarità sul territorio: era stato espulso cinque anni fa. Non si sarebbe dovuto nemmeno trovare in Italia.



polizia 113

Questo è un articolo pubblicato il 30-03-2018 alle 17:06 sul giornale del 31 marzo 2018 - 1732 letture