Tragedia sfiorata a Carrara di Fano, coppia di ventenni intossicata dal monossido di carbonio

1' di lettura Fano 28/03/2018 - Ancora pochi minuti e per loro sarebbe stata la fine. È andata bene a due ventenni di Carrara di Fano, rimasti intossicati dal monossido di carbonio che stava uscendo da una piccola caldaia a metano malfunzionante.

Erano all’incirca le 21 di martedì 27 marzo, quando i ragazzi, in preda al vomito e alla sensazione di un imminente mancamento, hanno comunque trovato la forza di chiamare il 118, che a loro volta ha allertato i vigili del fuoco di Fano. È stata la loro salvezza. È stato poi riscontrato dai medici che il livello dell’intossicazione era piuttosto elevato. In altre parole, hanno fatto appena in tempo a evitare l’irreparabile.

I pompieri hanno subito constatato il malfunzionamento di una piccola caldaia piazzata nella casa dove si trovavano i due ventenni. Il monossido di carbonio non ha odore, per questo i ragazzi non si sono accorti di nulla prima di sentirsi effettivamente male. Trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Santa Croce, ci si è poi messi in contatto con il centro “Iperbarica Adriatica”, sempre di Fano, per avviare le terapie necessarie. La giovane coppia è fuori pericolo.






Questo è un articolo pubblicato il 28-03-2018 alle 12:06 sul giornale del 29 marzo 2018 - 3598 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, redazione, ospedale santa croce, intossicazione da monossido di carbonio, articolo, carrara di fano, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aS7X





logoEV
logoEV
logoEV