Mare più pulito e stop agli allagamenti in strada: prolungamento scolmatori, entro aprile sarà tutto pronto

2' di lettura Fano 29/01/2018 - Ancora poco più di un paio di mesi, poi i cantieri di Sassonia si chiuderanno e Fano avrà due scolmatori ancora più efficienti. I lavori di prolungamento stanno rispettando i tempi previsti, per questo il presidente di Aset Spa Paolo Reginelli ha voluto rassicurare i fanesi annunciando una data di massima per la fine delle operazioni: inizio aprile. Con una sola incognita: il maltempo. Un “cattivo” mare, infatti, potrebbe rivelarsi causa di un potenziale lieve ritardo.

Che parte del litorale fanese sia tuttora un cantiere aperto lo dimostrano i tubi che campeggiano nell’area della pista dei go-kart, ormai dismessa da tempo a uso e consumo del luna park e dei bagnanti in cerca di un parcheggio. I tubi si trovano lì, ma soltanto in appoggio, in attesa che i lavori passino alla fase due. A quel punto, quegli stessi tubi verranno zavorrati – febbraio è la data indicata - e preparati per la successiva posa in opera. Vale a dire per la loro collocazione in mare, fino a una distanza di cento metri al di là delle scogliere. Un dettaglio non irrilevante. È lo stato lo stesso Reginelli a rimarcare questo dato. “Si tratta – ha detto - del primo progetto del genere attuato nelle Marche”.

Il sistema comprende due vasche – una da 300 e una da 47 metriquadri – e una serie di pompe. L’impianto garantisce un flusso d’acqua di 3 metri cubi al secondo. I tubi, in polietilene, verranno posizionati a una profondità massima di cinque metri, e verranno monitorati ogni anno. Sono dotati di valvole che si attivano non appena le vasche si riempiono, con il conseguente scarico delle acque a 400 metri dalla spiaggia.

Il risultato? Un miglior deflusso dell’acqua piovana. Un investimento di circa 2 milioni di euro che promette di porre fine ad alcuni annosi disagi, come gli allagamenti lungo la strada nazionale e l’accumulo di sporcizia laddove fanesi e forestieri vorrebbero fare il bagno. Sono questi i piani dell’amministrazione comunale, di Aset Spa – che ha emesso il bando, vinto da CPL Concordia – e della ditta Mentucci che si occuperà della sola messa in mare. Stando alle premesse – e alle promesse - per certi versi il maltempo a Fano non farà più paura.








Questo è un articolo pubblicato il 29-01-2018 alle 16:39 sul giornale del 30 gennaio 2018 - 805 letture

In questo articolo si parla di lavori pubblici, attualità, fano, viabilità, inquinamento, redazione, mare, sassonia, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aQ0H





logoEV
logoEV