x

Pergola: parrocchia in festa, è arrivato don Filippo Fradelloni

3' di lettura 23/10/2017 - Passaggio di consegne, domenica 22 ottobre nella concattedrale di Pergola, tra don Sesto Biondi e don Filippo Fradelloni nuovo parroco. Dopo 47 anni a Pergola, di cui 27 da parroco, don Sesto ha concluso il suo servizio “passando il testimone” a don Filippo.

Nell’omelia della Santa Messa, il Vescovo Armando dopo aver sottolineato come questo passaggio, nella continuità, rappresenti un bel segno per tutta la comunità di Pergola, si è soffermato sui temi della corresponsabilità nella Chiesa e della collaborazione senza tralasciare la cura per le famiglie, per gli anziani e per i malati. Il Vescovo ha, poi, messo in evidenza, come scritto nella sua lettera pastorale 2017-2018 “Camminando insieme con Evangelii Gaiudium”, il valore e la gioia dell’annuncio. “La motivazione dell’annuncio – scrive il Vescovo - è duplice: la gioia di quanto ci è stato dato gratuitamente e la carità, ossia il desiderio di donare agli altri quanto di più prezioso abbiamo senza merito nostro”. A conclusione della celebrazione eucaristica, Ubaldo Alimenti, a nome di tutta la comunità, ha voluto esprimere profonda gratitudine per il dono dei sacerdoti don Sesto e don Filippo.

“Quando nel 1990 si salutò l’inizio del mandato di parroco di don Sesto, (e il suo servizio sacerdotale a Pergola era già ventennale) nell’esprimere la gratitudine a Dio per quel dono e per le tante qualità di don Sesto, si era anche detto che avremmo rimandato ad un tempo futuro la lunga elencazione dei suoi difetti. Don Sesto Senso – così è conosciuto nei social network – ci ha fregato: con l’età, come il vino di pregio, è diventato più “buono”. Alla sua simpatia, giovialità, semplicità, al suo sorriso, alla capacità di smussare i toni, le battute, le pacche sulle spalle e i baci, alle sue ordinate omelie, ha aggiunto anche una “bontà” che ci sembra proprio una perla pregiata per questa nostra comunità. Don Filippo, con noi da undici anni, è già un pastore, capace, sensibile, intelligente, che sa ascoltare tutti, che decide tenendo conto di tutti. Don Filippo non corre, per non rischiare di lasciare indietro la sua comunità; non cerca effetti speciali, protagonismi, ma cura e custodisce la comunità che gli è affidata; è aperto, paziente, accogliente: sa prendere decisioni ma è anche capace di accettare suggerimenti da tutti; sa stare con i bambini, con i ragazzi, con i giovani, con le coppie, con gli adulti e adultissimi.

Ma di tutte le qualità e talenti che potremmo elencare individualmente di don Sesto e don Filippo, ciò di cui siamo più grati e riconoscenti, a loro e alla fede che li guida, è il loro sapere stare insieme. Eccellenza – ha concluso Ubaldo Alimenti - siamo grati anche a lei che concede per i prossimi anni alla nostra comunità il privilegio del ministero di parroco di don Filippo e di collaboratore di don Sesto, oggi aiutati anche da don Giustino e dal prezioso servizio del diacono Alessandro. Che Dio benedica questo presbiterio, questa comunità parrocchiale, la diocesi, la Chiesa Tutta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-10-2017 alle 12:06 sul giornale del 24 ottobre 2017 - 775 letture

In questo articolo si parla di chiesa, attualità, Diocesi di Fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aOe0





logoEV
logoEV