x

Udc e Progetto Fano: 'Qual'è la politica di sviluppo della città, il posto fisso?'

1' di lettura Fano 12/01/2017 - La vicenda emersa relativa alla nota impresa fanese Enereco spa apre profondi interrogativi sul vergognoso livello di burocrazia che vive anche la nostra città.

La vicenda è la punta dell’iceberg di un modus operandi dell’amministrazione di centro sinistra di Fano, ostaggio della burocrazia che sovrintende a tutte le scelte, danneggiando ogni giorno l’economia reale.

E’ pura follia impedire ad un’impresa con 360 dipendenti nel settore dell’ingegneria di potere sviluppare la propria attività nel nostro territorio.

Tutta la vicenda è ancor più assurda visto che a vendere all’asta i terreni per realizzare gli uffici per la nota società è stato proprio il Comune di Fano, che si era impegnato nel bando di gara di fare le opere di urbanizzazione necessarie ad impiantare una attività imprenditoriale.

Presenteremo un’interrogazione in Consiglio Comunale per chiedere conto al Sindaco di cosa vuole fare per l’economia del nostro territorio e del perché si vuole far morire di burocrazia le imprese che creano ricchezza a Fano.

Sindaco, iniziamo molto male il 2017: l’Ospedale che andrà a Muraglia portando via da Fano prosperità, l’Aeroporto che avete deciso di declassare rinunciando all’economia che produce, Via Cavour che volete chiudere mettendo in crisi le imprese, solo per citare alcuni esempi. Qual'è la politica di sviluppo della città: il posto FISSO?


da Davide Del Vecchio (Udc)
Alberto Santorelli (Progetto Fano)
Marianna Magrini (Progetto Fano)







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2017 alle 17:02 sul giornale del 13 gennaio 2017 - 788 letture

In questo articolo si parla di fano, udc, politica, Alberto Santorelli, davide delvecchio, Progetto Fano, marianna magrini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aFn7





logoEV
logoEV