x

Pergola Unita: 'Dal Tar Marche un’ottima notizia per il nostro ospedale'

Pergola Unita 2' di lettura 04/01/2017 - Un fatto importante per l’ospedale “Santi Carlo e Donnino” di Pergola nell’ottica della tutela e del potenziamento della struttura, ne dà notizia l’associazione Pergola Unita che sta seguendo con scrupolo la situazione del nosocomio pergolese.

Informiamo la cittadinanza che è stata resa pubblica in questi giorni la sentenza del TAR Marche che conferma di fatto nel ruolo di Direttore Medico di Struttura Complessa di Chirurgia Generale, ovvero di primario dell’ospedale Santi Carlo e Donnino di Pergola il Dott. Francesco Vittorio Gammarota.

Dopo che con determina n. 848 del 2 ottobre 2015 il direttore dell’Area Vasta 1, Carmine Di Bernardo, aveva nominato il dott. Gammarota quale nuovo primario del reparto di chirurgia del nosocomio cesanense, la situazione era caduta in una fase di stallo alla luce di un provvedimento successivo, sempre a firma dello stesso direttore che contestava l’assenza del requisito di anzianità di servizio nella disciplina oggetto dell’incarico.

Il tribunale amministrativo regionale per le Marche si è ora finalmente pronunciato annullando di fatto questo provvedimento che ha bloccato fino ad oggi l’assunzione del nuovo primario constatando invece che i requisiti di anzianità del dott. Gammarota sono del tutto omogenei all’area chirurgica per un periodo superiore ai 5 anni come richiesto dal bando.

Questa è un’ottima notizia per il nostro ospedale ed ora ci aspettiamo a giorni e senza alcun indugio che il nuovo direttore dell’Area Vasta nr.1, Giovanni Fiorenzuolo, espleti le formalità per la firma del contratto fornendo a tutti gli effetti al nosocomio pergolese il suo nuovo e tanto atteso primario di Chirurgia.

Al tempo stesso questa notizia non deve farci abbassare la guardia su ciò che accade nel nostro nosocomio, questo è solo un passo positivo verso l’obiettivo del corretto funzionamento del reparto di Chirurgia che ancora è tutto da raggiungere.

Non ci stancheremo mai di chiedere con forza ma con un atteggiamento costruttivo e concreto, in tandem con chi come noi si interessa alla vicenda come il comitato pro ospedale Pergola, che un ospedale così importante non solo per Pergola ma per tutta l’alta Valcesano sia messo nelle condizioni di operare per come esso è stato definito dal piano sanitario regionale, oggi ancor più alla luce della riconversione avvenuta degli altri presidi territoriali in ospedali di comunità.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-01-2017 alle 12:44 sul giornale del 05 gennaio 2017 - 567 letture

In questo articolo si parla di sanità, politica, pergola, tar marche, pergola unita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aFbI





logoEV
logoEV