Luzi: "Tutte a Roma sabato 26 novembre per #nonunadimeno"

Carla Luzi, Consigliere Comunale di Sinistra Unita 23/11/2016 - Non una donna in meno, non una morta in più. Così diceva Susana Chávez, la poeta messicana, attivista per i diritti umani, che ha speso gran parte della sua vita per denunciare i femminicidi che hanno reso tristemente nota Ciudad Juárez, la città dove era nata e dove, nel 2011, ha trovato la morte.

Mutilata e uccisa con tutta probabilità per quella sua stessa battaglia.

Le donne violentate, uccise, abusate nel nostro paese e nei paesi del mondo, le notizie che arrivano dalla Turchia, l’orribile pratica delle spose bambine, le donne che nei loro lunghi viaggi verso il futuro diventano vittime dei crimini più efferati, ma anche le parole e le azioni di Donald Trump, le parole del governatore della Campania, le considerazioni di un conduttore televisivo che pone l’accento non sull’agire politico di una ministra ma sulla forma delle sue scarpe e sull’altezza dei suoi tacchi, il negare svilire deridere, in luoghi lontani ma anche nei nostri luoghi, chi porta nuovi modi e nuovi sguardi per leggere il mondo ci fa sentire ancora più urgente la condivisione e la partecipazione alla manifestazione nazionale “Non una di meno” che si svolgerà a Roma sabato 26 novembre con partenza da Piazza della Repubblica.

Non una di meno” nasce dal basso, dal desiderio di confronto, dalla volontà di mettere in comune le pratiche e l’entusiasmo di un mondo che da anni opera nel quotidiano e dal basso per affermare l’autodeterminazione delle donne e contrastare la violenza maschile; non ha sigle di partito o sindacali, rimette al centro il sentire e la consapevolezza delle donne, le loro pratiche politiche.

E’ indetta dalla Rete IoDecido che a Roma, da tre anni, si mobilita sul tema della salute e contro la violenza di genere; da D.i.Re – Donne in rete contro la violenza che riunisce i Centri Antiviolenza non istituzionali e gestiti da associazioni di donne sparsi sul territorio nazionale; dall’Udi-Unione donne in Italia, storica associazione femminile nata tra il 1944 e il 1945 dall’esperienza dei Gruppi di Difesa della Donna, creati in supporto alla Resistenza.

La difficile libertà delle donne” è l’ultimo libro di Graziella Priulla; un libro che ancora una volta cerca di mettere in parola come ogni potere, da quello religioso a quello politico a quello dei media, interviene sui nostri corpi e come sul corpo delle donne si gioca il potere maschile.

Saremo in tante, e spero in tanti, a Roma sabato 26 novembre (è la tappa di un percorso iniziato da tanto che continuerà dopo il 26 novembre con seminari e iniziative); saremo protagoniste, allegre, tristi, arrabbiate, gioiose, colorate; saranno tante e varie le modalità di partecipazione e tutte rappresenteranno una grande opportunità per rafforzarci.

Quindi per continuare un percorso e portare il punto di vista di noi donne e le nostre pratiche ci vediamo in piazza della Repubblica a Roma alle ore 14 di sabato 26 novembre.

Se puoi non mancare #nonunadimeno


da Carla Luzi
Consigliera Comunale di Sinistra Unita




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2016 alle 14:41 sul giornale del 24 novembre 2016 - 424 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, fano, politica, sinistra unita, Sinistra Unita Fano, Carla Luzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDOO





logoEV