Chef in the City: Ambrosini vince il duello con Putzu e va in finale con "Allegro di pollo"

17/11/2016 - Consulente di bellezza contro veterinario, donna contro uomo, Fano contro entroterra. L’edizione 2016 di Chef in the City si prepara a vivere l’ultimo atto dopo che ieri sera è andata in scena la seconda semifinale.

Sarà una finale che vedrà di fronte due tipologie completamente opposte di concorrenti: a raggiungere Antonella Placidi, fanese rappresentante nel settore della cosmesi vincitrice della prima semifinale di martedì, è Enrico Ambrosini, 56enne medico veterinario di Cartoceto che ieri sera all’Osteria Al26 (centro storico di Fano) ha deliziato i palati delle tante persone presenti a cena con un antipasto dal titolo “Allegro di pollo”, un petto di pollo farcito con porri e pomodorini, avvolto in una foglia di bietola, cotto al vapore e servito su una salsa di finocchi e verdure di stagione.

Ambrosini, grazie ai voti della giuria popolare (il pubblico presente) e della giuria tecnica (Dania Gabucci dell’Osteria Al26, Stefano Marinelli dell’Osteria del Pisello e Enrico Del Bianco del Tiravino) ha superato l’ingegnere 38enne Andrea Putzu che per l’occasione aveva preparato un secondo dal titolo “Roast beef all’ortolona”, un roast beef di scamone con cestino di patate con macedonia di porri, peperoni e zucchine, accompagnato da una maionese vegetale di patate, porri e broccoli.

Due piatti deliziosi, riproposti poi per tutti i commensali dagli chef dell’Osteria Al26, preparati con la carne della macelleria Gabriella & Daniele di Fano e con le verdure di stagione selezionate con grande cura dal Conad Centro di San Lazzaro.

Una serata resa ancora più gustosa dalle tante altre pietanze portate in tavola grazie alle aziende del territorio che hanno sposato il progetto di Chef in the City, ovvero quello di valorizzare le eccellenze locali attraverso l’utilizzo di prodotti e materie prime a chilometro 0.

Oltre all’antipasto e al secondo, il menù della serata prevedeva anche una degustazione di panetteria del panificio Gramaccioni, una degustazione di formaggi della società agricola Fratelli Manca e il dolce realizzato da Cavazzoni Pasticceria.

Ad accompagnare il tutto i vini dell’Azienda Agraria Guerrieri, un “Guerriero Bianco” (vincitore della medaglia argento a Londra 2016) e un “Guerriero Nero” (anteprima della nuova annata 2014) mentre la serata si è conclusa con il caffè dell’azienda Must Espresso.

E sempre l’azienda Guerrieri si è resa protagonista di un simpatico cadeau: un pacco di pasta a tutti i presenti che è andato così ad aggiungersi alle padelle Flonal, azienda leader del settore di Bellocchi, con cui sono state omaggiate tutte le signore.

Intanto è già partita la “corsa” al posto a tavola per la finalissima prevista per domenica 27 novembre quando, in una Cascina delle Rose vestita a festa, si conoscerà il nome del cuoco amatoriale più bravo della Provincia di Pesaro-Urbino (per prenotazioni: 0721 728197).

A rendere la serata ancora più magica, il viaggio per due persone in una città italiana o europea messo in palio da Zenaide Viaggi la cui estrazione sarà effettuata prima di decretare il vincitore della manifestazione. Al secondo classificato, invece, un simpatico omaggio offerto dall’azienda Arredare la Tavola. Per info Comunica Srl: 0721.830.710.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2016 alle 12:19 sul giornale del 18 novembre 2016 - 483 letture

In questo articolo si parla di cultura, fano, cartoceto, chef in the city, comunica srl, enrico ambrosini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDzR