SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

Stragi Falcone e Borsellino: dal Consiglio Comunale una lettera in sostegno di Antonino Di Matteo

2' di lettura
393

Antonio Di Matteo

Il Consiglio Comunale di Fano, nella seduta del 3 Novembre 2015, ha approvato all'unanimità un ordine del giorno indirizzato al Tribunale di Palermo, in cui esprime sostegno al lavoro del Magistrato Antonino Di Matteo che ha indagato sulle stragi in cui sono stati uccisi i Magistrati Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e le loro scorte, oltre che sugli omicidi di Rocco Chinnici e Antonino Saetta.

La Presidente del Consiglio, Rosetta Fulvi, e il Sindaco, Massimo Seri, hanno, quindi, scritto una lettera al dottor Di Matteo, con allegato il documento consiliare. Nella missiva, la Fulvi e Seri sottolineano il sostegno del Consiglio Comunale al Magistrato siciliano e “attraverso la Sua persona, a tutti i Magistrati che lottano quotidianamente contro le mafie e le reti della criminalità organizzata”, definendo l'ordine del giorno come un documento che nasce con l'intento di rappresentare “un piccolo mattone con cui continuare a costruire la casa comune della legalità e della giustizia”.

Nella lettera la Presidente del Consiglio e il Sindaco riprendono un passaggio del documento che recita “la lotta alla mafia non può essere terreno di scontro politico e di battaglie strumentali tra i partiti” per evidenziare l'importanza del voto unanime del Consiglio. Un voto che testimonia ammirazione per “gli eroi silenziosi “ del nostro Paese e il rifiuto per la piaga dell'omertà che distrugge le coscienze. Con l'ordine del giorno il Comune di Fano aderisce alla manifestazione dedicata, che si terrà a Roma il 14 Novembre prossimo.

La Presidente del Consiglio e il Sindaco concludono la lettera testimoniando vicinanza e sostegno al Magistrato, ringraziandolo a nome della città di Fano per il lavoro che sta svolgendo con coraggio e determinazione contro le mafie e la criminalità organizzata.



Antonio Di Matteo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2015 alle 14:06 sul giornale del 12 novembre 2015 - 393 letture