SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Marotta, chiusura passaggio a livello: il Tar rinvia tutto ad aprile

2' di lettura
782

Passaggio a livello marotta

L’Associazione Attraverso Marotta ottiene la prima conferma della fondatezza delle sue considerazioni direttamente dal TAR.

Giovedì 5 novembre, in sede di Udienza Cautelare il Presidente del TAR ha stabilito, considerata la complessità dei ricorsi depositati, di decidere sulla istanza di sospensiva direttamente all'udienza di merito, fissata per Aprile 2016, cioè dopo aver approfondito l'esame di tutta la documentazione.

Non è escluso che il TAR proceda, sempre in quella sede, di affidare l’incarico della valutazione delle questioni tecniche più rilevanti ad un consulente del tribunale. Tanto è stato deciso anche in considerazione del fatto che i lavori al momento non potranno iniziare in quanto non è stato ancora redatto e approvato il Progetto Esecutivo.

Il presidente del TAR Marche vuole vederci chiaro: ha fissato l’udienza definitiva (merito) in tempi molto ristretti: 15 Aprile 2016 ove si verificheranno tutti i motivi di ricordo e dove i giudici verificheranno tutti i vizi denunciati con i ricorsi dell’Associazione Attraverso Marotta e dei privati.

L’Associazione Attraverso Marotta considera questa decisione sicuramente una prima vittoria nella battaglia alla scelleratezza dell’amministrazione comunale che insiste a portare avanti a tutta forza, e a spese dei cittadini paganti, il progetto della chiusura del passaggio a livello approvato in sede di Conferenza di Servizi, nonostante le gravi lacune, sia procedurali che tecniche, di cui è inficiato.

Intanto, per quella che è stata un’udienza in camera di consiglio (chiusa al pubblico), per RFI hanno presenziato all’udienza solo i legali mentre il Comune di Mondolfo ha dispiegato fior fior di amministratori e funzionari, personale pagato dagli stessi cittadini che sostengono anche le spese legali dell’amministrazione. Personale che è stato assente tutta la mattinata dagli uffici comunali per assistere alla difesa dei propri possibili errori procedurali e tecnici alle spalle della comunità.

E’ allarmante come il tema della fragilità idro-geologica del nostro territorio venga presa con tale superficialità dalla nostra amministrazione, che persiste nel difendere un progetto che di per sé in caso di esondazioni, fenomeni sempre più frequenti, non solo taglia ogni possibile via di accesso ai quartieri di Marotta tra la ferrovia e il litorale ai mezzi di emergenza, ma stravolge completamente la struttura viaria e urbanistica di Marotta senza tenere conto alcuno delle esigenze della comunità che vive e che vivrà in futuro in questo territorio.

L’Associazione ha inoltre finalmente ottenuto un appuntamento con il Prefetto, che oggi ha fissato loro l’incontro per la prossima settimana.
L’associazione specifica che proseguirà nella propria posizione con tutti gli strumenti previsti perché è intollerabile che si possa realizzare un tale progetto infrastrutturale in una zona dichiarata dal PAI come zona esondabile a rischio massimo R4.



Passaggio a livello marotta

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-11-2015 alle 09:11 sul giornale del 07 novembre 2015 - 782 letture