SEI IN > VIVERE FANO > CRONACA
articolo

Sgominata banda di moldavi: razzie nel pesarese in cantieri, distributori e attività

1' di lettura
506

La refurtiva recuperare dal NOIR di Jesi

Indagini capillari condotte dai carabinieri di Jesi e delle stazioni coinvolte, su tutto il territorio della Vallesina, a Senigallia, nel pesarese, hanno condotto alla individuazione dei responsabili di tantissimi furti a danno di attività che hanno fatto razzia di qualsiasi cosa, allo scopo di venderli poi nel proprio paese di origine.


Si tratta di una banda di 11 moldavi, che prendevano di mira attività come cantieri edili, di autotrasporti, benzinai, rubando tutto ciò che poteva essere rivenduto: impastatrici, punte di trapano, tagliaerbe, attrezzi di carpenteria, decespugliatori, macchinari, gasolio, anche cialde per il caffè.

Alla base dell'attività del personale del NOR diretto dal Ten. Maurizio DINO-GUIDA, tantissime denunce di furto ricevute da proprietari e gestori di varie ditte di autotrasporti, cantieri edili, stazioni di servizio carburanti e autolavaggi.

Mercoledì il personale del NOR della compagnia di Jesi, ha terminato la lunga attività di indagine eseguendo le ordinanze di misure cautelari e contestuali perquisizioni delegate dall'autorità giudiziaria nei confronti dei moldavi.

Due di loro risultavano domiciliati a Jesi, e parecchia refurtiva, del valore di circa 40.000 euro, era stata nascosta proprio nello jesino. Ora si cerca di restituire la merce rubata ai legittimi proprietari ma parte della refurtiva sembra essere già stata piazzata.

Il maggiore Iurlaro commenta così l'operazione: "La nostra priorità è rispondere alle esigenze di sicurezza dei cittadini, e stiamo svolgendo molte attività per contrastare i furti e intercettare i malfattori. L'aiuto dei cittadini con le loro segnalazioni è fondamentale per aiutarci a svolgere il nostro lavoro".



... Il maggiore Iurlaro nuovo comandante della caserma dei cc di jesi


La refurtiva recuperare dal NOIR di Jesi

Questo è un articolo pubblicato il 05-11-2015 alle 13:34 sul giornale del 06 novembre 2015 - 506 letture